CHIUDI
CHIUDI

19.09.2019

Bigon chiede chiarezza sulle schede ospedaliere

«Le schede ospedaliere non devono restare un libro dei sogni, perciò la Regione faccia chiarezza: all’ospedale Orlandi di Bussolengo ci sono i requisiti strutturali per la loro attuazione?». A chiederlo è la consigliera del Partito democratico Anna Maria Bigon, prima firmataria di un’interrogazione a risposta scritta a cui hanno aderito i colleghi Orietta Salemi, Bruno Pigozzo e Andrea Zanoni, oltre a Cristina Guarda (Civica per il Veneto). «Alle parole occorre far seguire i fatti, in tempi possibilmente rapidi: le schede assegnano all’Orlandi che ha un bacino importante, tutta la zona Garda-Baldo-Valdadige, 25 posti letto di Medicina generale, altrettanti di Psichiatria e Day surgery/Week surgery, 50 di Recupero e riabilitazione funzionale, 24 per l’Ospedale di comunità e 14 di Unità riabilitativa territoriale. Considerato che sono poi le singole Ulss a redigere il piano attuativo delle schede dei servizi previsti nelle singole strutture con la relativa tempistica, la Scaligera lo ha già stilato e inviato alla Regione?», domanda Bigon. Che non nasconde i propri dubbi in particolare per la Week surgery e l’Ospedale di comunità. «Il territorio ha bisogno di questi servizi. Nel caso in cui l’Orlandi non avesse i requisiti necessari, quali sono gli interventi da fare per renderlo idoneo?». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1