CHIUDI
CHIUDI

22.05.2020 Tags: San Giovanni Lupatoto

Avviso ai gestori di locali «Segnalate le violazioni»

Il plateatico di un bar a San Giovanni Lupatoto FOTO DIENNE
Il plateatico di un bar a San Giovanni Lupatoto FOTO DIENNE

Sindaco e presidente della Confcommercio locale sono d’accordo: sulle aperture delle attività commerciali e di pubblico esercizio (chiuse per misure anti codiv19) non si può tornare indietro. Nessuno è disposto a tornare alla situazione di chiusura di bar e negozi della fase 1 delle misure anticoronavirus. Per non tornare alla casella di partenza, però tutti, esercenti e cittadini, devono rispettare pienamente le regole. Questo è l’appello che il sindaco Attilio Gastaldello ha fatto mercoledì pomeriggio e più o meno gli stessi contenuti vengono da Enrico Miglioranzi, esponente dei commercianti lupatotini. Entrambi si riferivano a quanto verificatosi lunedì in un bar del centro, dove si è registrato un forte assembramento di persone che avevano abbandonato le mascherine e non mantenevano le distanze. «I fatti non li conosco, ma mi risulta che siano arrivati i vigili», dice Miglioranzi. «Il fatto è purtroppo preoccupante, in quanto non possiamo assolutamente permetterci di tornare indietro con chiusure e altro», continua il presidente dei commercianti locali. «Invito quindi ogni esercente a fare il possibile perché ognuno nel proprio locale accolga il numero di persone consentito rispettando i parametri di distanziamento», prosegue Miglioranzi. «I gestori di locali non devono far finta di ignorare che se la gente in compagnia fatica a rispettare le regole», dice ancora l’esponente dei commercianti. «Conviene allora partire bene all'inizio con la disposizione dei tavoli o degli spazi e, se un gestore si trova con una situazione che non riesce controllare bene nella zona esterna di competenza, credo sia davvero opportuno che lo stesso si rivolga ai vigili. Voglio sperare che anche le persone e i clienti collaborino nell’aiutare negozi e locali al rispetto pieno delle regole all’interno degli stessi». Il sindaco Attilio Gastaldello ha ribadito martedì in un messaggio facebook gli stessi concetti. Ha detto: «Abbiamo desiderato tutti la riapertura delle attività e non possiamo permetterci di tornare indietro. Le regole vanno rispettate dagli esercenti e dagli avventori. Chiedo la collaborazione di tutti, per evitare provvedimenti drastici che non esiterò ad assumere, se necessario, per salvaguardare l’intera comunità». Mercoledì e anche ieri, le pattuglie della polizia municipale hanno fatto un sopralluogo (il giro è in fase di conclusione) presso i circa 200 bar e negozi del territorio comunale con un duplice obiettivo. Da un lato verificare che fossero state attuate correttamente le misure imposte per la riapertura così da garantire la sicurezza (agli esercenti è stata prestata dai vigili una specie di consulenza e sono stati forniti i chiarimenti sull’interpretazione della nuova normativa fugando i dubbi) ed evitare provvedimenti sanzionatori. Dall’altro lato, la visita era finalizzata a svolgere un’indagine conoscitiva per raccogliere l’eventuale interesse dei commercianti ad ampliare od occupare superficie pubblica per il plateatico, in ragione delle possibilità offerte dal decreto legge di martedì scorso. L’amministrazione comunale prevede che l’esame delle pratiche di richiesta possa avvenire in tempi brevi, con «un procedimento snello». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Renzo Gastaldo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie