CHIUDI
CHIUDI

13.10.2019

«Vanno coinvolti i Comuni»

Parla di «direzione giusta» e di «progetto da ampliare e allargare ad altri Comuni» Ivano Confortini, ittiologo della Provincia di Verona. «Questa idea era nata anni fa da noi in Provincia ma, purtroppo, non avevamo risorse e personale per portalo avanti. Cosa che invece Ups ha fatto egregiamente», ha proseguito. «Lo scopo è portare sul Garda le uova per dare avvio a un numero di alborelle sufficienti a fare poi la riproduzione naturale di questa specie. Per essere efficace il progetto va ripetuto nel 2020 e nel 2021. Il merito del progetto è anche l'avere individuato un sito produttivo valido come quello della risorgiva dell'Alpo di Villafranca perché è inutile mettere a posto le rive del Garda per favorire la “frega” se non ci sono aole del Garda che si riproducano. In questo modo si può dare la spinta a questo pesce perché si ripopoli e, soprattutto, si coinvolgono sia gli enti che i pescatori perché siano parte attiva per salvaguardare questa specie ittica a rischio estinzione».

G.M
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1