CHIUDI
CHIUDI

10.09.2019

Raid dei vigili in spiaggia, multe ai nudisti

La spiaggia a Ca’ Rossa a Torri del Benaco FOTO PECORA
La spiaggia a Ca’ Rossa a Torri del Benaco FOTO PECORA

Tredici multe in poco più di un mese. È il primo bilancio dell’ordinanza estiva «anti-degrado» emessa dal Comune di Torri, che da fine luglio vieta il consumo di alcolici sul territorio comunale a partire dalla spiagge oltre che ai lungolago, ma anche per le vie del paese. Secondo le ultime disposizioni comunali si può bere solo nei bar e plateatici oppure una volta acquistata, ci si deve portare la bevanda alcolica a casa. Il provvedimento, operativo nei fine settimana dalle 20 del sabato fino alle 6 del mattino del lunedì, resterà in vigore fino al 14 settembre. In otto week end la polizia municipale ha staccato ben 13 verbali, per la maggior parte a giovani che hanno infranto le regole, che si sono visti comminare una contravvenzione da 50 euro, cioè il doppio del minimo (25 euro), come per legge. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Stefano Nicotra è intervenuta per porre fine all’usanza da parte di molti ragazzi di acquistare alcolici e superalcolici nei bar o nei market e poi consumarli per il paese, in particolare in spiaggia, ma anche nei parchi o per strada. Spesso con situazioni spiacevoli e indecorose. Scene con giovani ubriachi che lasciavano traccia del loro passaggio, contrassegnato spesso da schiamazzi e urla: muri e pavimentazioni imbrattati di urina, chiazze di vomito per terra e sui litorali, bottiglie di vetro e lattine abbandonate sui ciottoli della costa o lungo le vie del centro storico, con il rischio tra l’altro che qualcuno si potesse tagliare o farsi del male. «I numeri ci sono stati, confermando quanto fosse necessario l’intervento», afferma il primo cittadino, commentando l’introduzione del provvedimento. «Abbiamo dovuto introdurre regole restrittive per porre fine ad una situazione insostenibile. Quello che dispiace», osservano Nicotra e il comandante dei vigili Domenico Tenca, «oltre alla noncuranza delle norme, è notare giovani pronti a sfidare le autorità in maniera sfrontata, passeggiando con una birra o un superalcolico in mano, pur sapendo del divieto. Una maleducazione che fa riflettere. Peccato perché basterebbe solo buon senso. Ma non finisce qui». Nell’attività di controllo delle spiagge e del territorio, gli agenti della polizia locale hanno staccato anche altre tipologie di verbali. Durante l’estate cinque multe sono state affibbiate ad altrettante persone che hanno acceso falò e barbecue lungo i litorali, in particolare nel tratto di costa che da Torri va verso Pai. «Anche in questo caso abbiamo intensificato i controlli», spiega Tenca, «in seguito a diverse segnalazioni di ristoratori, albergatori e residenti della zona vicino alla litoranea che lamentavano la presenza di fumi e odori provenienti da fuochi accesi in spiaggia», in particolare da turisti occasionali che trascorrono un’intera giornata sul lago con tanto di grigliata all’ora di pranzo. L’intervento dei vigili ha pizzicato anche otto persone che lungo alcune spiagge hanno praticato il naturismo. Un’ordinanza del novembre del 2006 vieta ai bagnanti di stendersi al sole completamente nudi. La zona preferita dai nudisti è quella del Brancolino, a sud del centro storico di Torri, al confine con Garda, dall’inizio dell’anno libera, dopo la chiusura dell’omonimo lido. È infatti in quest’area che si è concentrata la maggior delle sanzioni delle polizia municipale. Inoltre, nel corso dell’estate, dei 61 verbali emessi dai vigili (che non riguardano il mancato rispetto del codice della strada), sette sono stati staccati per un errato conferimento dei rifiuti di cittadini ed esercenti, che non hanno differenziato correttamente le immondizie. Due persone infine sono state multate per ormeggio abusivo per aver cioè «parcheggiato» la propria imbarcazione in spazi non consentiti. In particolare, in un caso, un motoscafo a noleggio è entrato nel porto occupando lo spazio di altre due imbarcazioni e nelle manovre di attracco ha perfino danneggiato alcune barche limitrofe. E intanto Nicotra prepara già la prossima stagione estiva. «Per il prossimo anno, assieme al comando dei vigili, introdurremo ulteriori novità. Perché per garantire una stagione estiva a misura delle famiglie, dei giovani e degli anziani ci devono essere le regole. E noi vogliamo farle rispettare». •

Emanuele Zanini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1