Teatro dell’Attorchio, due podi
alla commedia «Camera a ore»

Il Teatro dell’Attorchio in «Camera a ore»
Il Teatro dell’Attorchio in «Camera a ore»

Il Teatro dell’Attorchio fa incetta di premi al concorso di teatro amatoriale dialettale Le Contrà di Sanguinetto e arriva secondo a Bassano, nel Vicentino, per Teatrissimo 2017. La compagnia cavaionese ha conquistato, a una settimana di distanza, giurie di esperti e popolari con l’ultima commedia Camera a ore, testo di Elisabetta Squarcina tradotto in dialetto veronese da Igino Dalle Vedove e regia di Ermanno Regattieri (attore dell’Estravagario Teatro).

Nel dettaglio, il Teatro dell’ Attorchio ha vinto a Sanguinetto il primo premio in tre categorie: miglior compagnia, testo più originale e migliori costumi. In quest’ultimo caso è arrivato pari merito con la compagnia El Gavetin di Negrar, in gara con Buseta e botòn. A Bassano, invece, dove nel 2015 gli attori cavaionesi hanno vinto con la commedia L’usel del marascial, Camera a ore si è classificata al secondo posto a pochissima distanza dal testo vincitore. Ora l’Attorchio potrà esporre le targhe conquistate nella sua sede nuova di zecca, in corte Torcolo, a due passi dall’arena estiva. Nella corte il Comune ha concesso una sala alla compagnia, alla Pro loco e ad altre associazioni del paese bisognose di un luogo in cui ritrovarsi e dove riunire il proprio materiale.

«A Sanguinetto siamo stati valutati da giurati esperti, a Bassano dal pubblico», spiega Igino Dalle Vedove. «In entrambi i casi il risultato è stato più che positivo e questo ci sprona a proseguire su questa linea nella scelta dei testi da portare in scena. I concorsi, inoltre, sono per noi un banco di prova in merito alla qualità del dialetto con cui recitiamo. Ci hanno fatto piacere alcuni complimenti ricevuti per l’uso di un dialetto “raffinato”, per niente scontato o volgare. Siamo molto soddisfatti, Camera a ore si sta dimostrando uno spettacolo apprezzato sotto vari punti di vista». La prova, spiega, è che la commedia è parecchio richiesta: «Il 19 maggio la reciteremo a Lana, in provincia di Bolzano, il 22 e 23 giugno a Brentino Belluno e Cerea», continua Dalle Vedove. E ancora: in luglio sono previste una decina di repliche, da Garda, Affi e Bussolengo fino a Cellore di Illasi e al castello di Zevio; a fine agosto si va in giro per il Veneto, fino a Jesolo. Inoltre «abbiamo molti contatti per il prossimo inverno». C.M.