CHIUDI
CHIUDI

11.07.2020 Tags: Brenzone sul Garda

Tasse e tributi locali C’è il nuovo calendario delle rate posticipate

Un «calendario dei tributi» per aiutare imprese a cittadini a ricordare le nuove scadenze, tutte posticipate di mesi, di tasse e imposte da pagare nel Comune di Brenzone. È questa l’iniziativa messa in piedi dal sindaco, Davide Benedetti, e pubblicata all’albo comunale, oltre che distribuita in paese. «A seguito delle iniziative di slittamento delle date e di varie riduzioni che abbiamo voluto mettere in campo per fronteggiare l’emergenza economica del Covid», ha spiegato il primo cittadino, «abbiamo ritenuto utile riepilogare le scadenze dei diversi tributi per cittadini e attività economiche. In particolare, le azioni sono state quelle di procrastinare le scadenze per andare incontro alle aziende e, di fatto, cercare di garantire loro la liquidità necessaria per far fronte agli investimenti e ai costi per affrontare la stagione estiva». «Abbiamo pubblicato l’avviso per richiedere l’ampliamento dei plateatici. Purtroppo, però», ha proseguito, «non abbiamo avuto riscontro rispetto provvedimenti da parte della giunta regionale conseguenti all’ordine del giorno del consigliere Massimo Giorgetti, approvato a fine aprile all’unanimità». Quel provvedimento disporrebbe di sgravare del 50 per cento i costi delle concessioni sul demanio lacuale regionale ma finora, al netto dei proclami, «la Regione non ha concordato alcuna data, né convocato i sindaci rivieraschi, i più interessati dal provvedimento, per poter calare la tassa sui plateatici regionali», confermano in municipio a Brenzone. Per i tributi comunali, la prima scadenza è quella del 31 luglio, quando bisognerà pagare la rata in acconto per le scadenze domestiche della Tari. Il 31 agosto scadrà la prima rata per le utenze non domestiche e poi, ancora, il 16 dicembre è previsto il saldo per entrambe. Il 31 agosto scadrà il versamento dell’intero canone per la pubblicità mentre la prima rata del canone di occupazione suolo e aree pubbliche (Cosap) scadrà il 30 settembre e la seconda il 31 ottobre. Infine, il canone di concessione demaniale per le zone portuali, cioè i plateatici, scadrà il 30 settembre con rata unica. La prima rata Imu è scaduta il 16 giugno, la seconda scadrà il 16 dicembre.

G.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie