La manifestazione

Pioggia di ospiti al Bardolino Film Festival al via il 15 giugno. Favino presenterà il suo «Nostalgia»

Pierfrancesco Favino
Pierfrancesco Favino
Bardolino Film Festival, presentazione (Joppi)

Una conferenza stampa fiume per un evento unico nel suo genere, sul Lago di Garda. Nella splendida e fresca bottaia delle Cantine Zeni, il sindaco Lauro Sabaini e l'assessore alla Cultura Domenica Currò hanno presentato la seconda edizione del «Bardolino Film Festival», in programma da mercoledì 15 a domenica 19 giugno. Al loro fianco il direttore artistico Franco Dassisti, giornalista e critico cinematografico, che ha messo a segno più di un colpo da novanta.

Pierfransco Favino Già, perché all'Arena Mirabello, sabato 18, alle ore 21, sarà presente l'attore Pierfrancesco Favino, tra i volti più cari e amati del cinema, che presenterà l'ultimo film di Mario Martone «Nostalgia» e riceverà il «Premio Bardolino», istituito dall'amministrazione comunale, ideatrice e organizzatrice dell'evento. «Ci siamo visti recentemente a Cannes ma già a marzo mi ha comunicato che accettava il nostro invito», afferma Dassisti, amico di Favino, vero deus ex macchina di una manifestazione culturale che ha assorbito «Parole sull'acqua» e, in memoria di questa iniziativa, terrà aperta una importante parentesi dedicata al mondo dei libri organizzando ben undici incontri collegati alla tematica del festival «Figli della terra». Tra gli autori, arriveranno l'ex ct della nazionale di ciclismo Davide Cassani, («Ho voluto la bicicletta», domenica 19, alle 18, al chiostro del Comune) e Mirko Casadei, giovedì 16 alle 18, per presentare «Il figlio del Re. Storia e storie di Raoul Casadei».

Film Festival Bardolino
Film Festival Bardolino

Cinema protagonista Ma non c'è dubbio che il protagonista principale di questa edizione è il cinema con un programma nutrito di appuntamenti (www.bardolinofilmfestival.it) per una full immersione da capogiro, con programmazione suddivisa in quattro luoghi: L'Arena Mirabello, il Teatro Corallo, Villa Carrara Bottagisio e il chiostro del Comune. L'ingresso agli appuntamenti cinematografici (Arena Mirabello e Villa Carrara Bottagisio) sarà a pagamento (8 euro) e il ricavato, come ha sottolineato al termine della conferenza stampa l'assessore Currò, sarà devoluto al comitato Garda-Baldo della locale Croce Rossa di Bardolino. Rispetto alla prima edizione, l'incontro con gli autori sarà prima della proiezione del film, in modo da preparare gli spettatori alla visione.

Milena Vukotic e Fantozzi Oltre a Pierfrancesco Favino il Bardolino Film Festival celebrerà Milena Vukotic (venerdì 17, alle 21) con il premio alla carriera. L'attrice amata del cinema e della televisione, è nota al grande pubblico per il personaggio leggendario di Pina Fantozzi o, più recentemente, per quello di nonna Enrica nella serie «Un medico in famiglia». «Le ho chiesto quale film volesse proiettassimo e lei ha scelto "Fantozzi va in pensione",», ha rivelato Dassisti che ha chiuso il trittico con l'ingaggio di Mario Martone, protagonista della serata conclusiva del festival, con la proiezione di «Qui rido io», nel corso del quale riceverà il premio «Ciak d'oro». Con lui saranno presenti Cristiana Dell'Anna e la sceneggiatrice Ippolita Di Majo.

Premi al femminile Gli appuntamenti dedicati al cinema al femminile prevedono inoltre il premio «Scintilla» a Rosa Palasciano, per la sua straordinaria interpretazione in «Giulia», di Ciro De Caro (giovedì 16 alle 21) e Barbara Ronchi, premiata con il «Shooting Star» per «Settembre», opera prima di Giulia Steigerwalt: un'attrice capace, con la sua interpretazione, d'illuminare ogni scena del film: la proiezione sarà mercoledì 15 alle 21.Bardolino Film Festival propone due concorsi, rispettivamente dedicati a cortometraggi e documentari, sul tema «Figli della Terra». Una riflessione sul rapporto tra l'uomo e il pianeta ma anche sulla transizione green e il legame con le proprie radici, società e cultura. Tra gli ospiti della manifestazione anche il regista Francesco Bruni, che guiderà la giuria del concorso documentari insieme alla moglie, l'attrice Raffaella Lebboroni, e alla figlia Irene Bruni, fotografa. A giudicare i film del concorso cortometraggi saranno invece l'attore e regista Paolo Sassanelli, l'attrice Daphne Scoccia e Alessandro Giorgio, organizzatore del Torino Short Film Market..

Stefano Joppi