CHIUDI
CHIUDI

26.02.2020

Resti di asino tra i rifiuti sulla regionale 450

La strada regionale 450 invasa dai rifiuti
La strada regionale 450 invasa dai rifiuti

È andato dritto, come se non avesse visto l’ostacolo, come se avesse avuto un colpo di sonno, o un malore. Nessun segno di frenata sull’asfalto e la sua auto, una Bmw si è letteralmente conficcata sotto un autoarticolato che era fermo in una piazzola di sosta. Non c’è stato scampo per Pierfrancesco Belfanti, 53 anni appena compiuti, nato nel Mantovano, ma residente a Lazise, ex gestore storico del ristorante ai Beati di Garda ed ora immobiliarista conosciuto e apprezzato da molti. Soltanto nel luglio scorso era stato nominato nuovo segretario regionale del Dipartimento attività economico/produttive della Democrazia Cristiana della Regione Veneto. È stato il sistema di sicurezza della sua auto a far scattare l’allarme alla centrale operativa. Alcune auto ce l’hanno. In caso di urti pesanti, il sistema d’allarme si attiva da solo. Erano le 16.30 di ieri, quando i vigili del fuoco di Bardolino sono intervenuti in A22 per la chiamata sull’incidente stradale. L'impatto è accaduto nel territorio di Ala Avio. Non semplici i soccorsi. L’auto era proprio sotto il camion, l’uomo incastrato all’interno, deceduto sul colpo. I pompieri, sono arrivati sul posto con due mezzi e 7 uomini, e hanno lavorato per sollevare il mezzo pesante ed estrarre il corpo della persona che era incastrata tra le lamiere. Durante tutte le operazioni di soccorso l'autostrada in direzione nord è rimasta chiusa al traffico ed è stata riaperta alle 17.45 circa. Sul posto la polizia Stradale oltre ad ausiliari della viabilità A22, personale sanitario e elicottero del Suem arrivato da Trento. È stata la polizia Stradale di Bardolino ad andare ad avvisare la moglie, Camilla Castellani, figlia dell’ex vicesindaco di Lazise della tragedia. Sgomento il primo cittadino di Lazise, Luca Sebastiano: «Conoscevo bene Pierfrancesco, era una persona stimata da tutti sul lavoro, una brava persona, uno sportivo. Per tantissimi anni aveva gestito il ristorante ai Beati ed ora si occupava di vendite immobiliari. Mi hanno descritto l’incidente, incomprensibile, nessun segno di frenata», ha detto Sebastiano. •

Alessandra Vaccari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie