CHIUDI
CHIUDI

30.10.2019

Pancreas, chirurghi
da tutta Italia
alla Pederzoli

Sono trentotto i chirurghi provenienti da tutta Italia che partecipano alla quinta edizione del corso di chirurgia pancreatica organizzato dall’Unità di chirurgia pancreatica dell’Ospedale Pederzoli di Peschiera del Garda. Si concluderà oggi, mercoledì 30 ottobre, la tre giorni, iniziata lunedì 28 ottobre, in cui gli specialisti hanno avuto modo di approfondire le tecniche chirurgiche e tematiche relative alla diagnosi e la gestione del paziente sottoposto a chirurgia pancreatica maggiore. Durante il corso è stata condotta una analisi approfondita dell’iter diagnostico terapeutico, dell’approccio multidisciplinare, il trattamento delle complicanze e la metodica mini invasiva per mezzo del robot. 

 

L'Ospedale Pederzoli, da sempre riconosciuto come una delle eccellenze nel trattamento del tumore al pancreas, punta su quella che si definisce «strategia terapeutica». Da qui l'obiettivo del corso.  Il concetto di "strategia" affonda le sue radici nell'approccio multidisciplinare, metodo che ha caratterizzato lo stile del gruppo chirurgico fondato dal professor Paolo Pederzoli fin dagli anni '80 e che vede coinvolti all'interno del percorso diagnostico/terapeutico diverse figure specialistiche (chirurghi, oncologi, radiologi e psicoterapeuti).

 

«Da sempre sentiamo l'esigenza di trasmettere agli specialisti la necessità di unire le conoscenze dei settori coinvolti nel trattamento del tumore al pancreas - ha raccontato il professor Paolo Pederzoli - Tutte queste competenze insieme ci permettono non solo di arrivare ad una corretta diagnosi, ma anche di riuscire ad individuare la strategia migliore da somministrare al singolo paziente».  «Strategia significa inserire il paziente in un protocollo "mirato" che può prevedere l'utilizzo della chemioterapia prima dell'intervento chirurgico, altre volte invece l'ordine dei trattamenti deve essere invertito - ha spiegato il dottor Roberto Girelli, responsabile del centro terapie complementari del tumore al pancreas dell'Ospedale Pederzoli - Il chirurgo lavora spalla a spalla con l'oncologo, il radioterapista e con tutti i membri dell’équipe multidisciplinare. L'approccio alla chirurgia pancreatica moderna non è più esclusivo, come succedeva anni fa: oggi il chirurgo è inserito in un team multidisciplinare e discute ogni singolo caso con gli altri specialisti dedicati allo scopo di prescrivere un trattamento sempre più "personalizzato"».

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1