La tragedia di Castelnuovo

Per i carabinieri
Koen è morto per una
caduta accidentale

La tragedia di Castelnuovo
Intervista al maggiore Milardi (Ferraro)

Koen van Keulen sarebbe morto per una caduta accidentale nel Dugale, il rio che scorre sotto la Gardesana, al confine fra i comuni di Lazise e Castelnuovo.

È questa l'ipotesi più accreditata da parte dei carabinieri della compagnia di Peschiera, che stanno svolgendo le indagini sulla morte del turista 17ennne olandese, scomparso venerdì a Pacengo e ritrovato questa mattina senza vita

Il giovane, mentre camminava al buio dalla fermata dell'autobus verso, si suppone, il campeggio Gasparina, non si sarebbe accorto del salto a lato della strada, precipitando per diversi metri. Sarà l'autopsia comunque a scogliere alcuni dei dubbi sulla tragica fine di Koen. 

 

Il corpo è stato recuperato dai sommozzatori del nucleo regionale dei vigili del fuoco. Le operazioni si sono svolte sotto il coordinamento dei Vigili del fuoco attraverso una Unità di Comando Locale (UCL) appositamente predisposta per gestire in loco le ricerche, utilizzando squadre a terra con l'ausilio di unità cinofile, in acqua con imbarcazioni e moto d'acqua e supporto di elicottero dei Vigili dei fuoco del nucleo regionale.

Alle ricerche hanno partecipato anche varie sezioni della protezione civile e personale dell'Arma dei Carabinieri per l'attività investigativa. Per le ricerche di oggi sono stati impiegati 20 Vigili del fuoco con diversi mezzi ed attrezzature e 42 volontari della protezione civile.

Presente alle operazioni di recupero il Console olandese, che ha mantenuto i rapporti con la famiglia e gli enti interessati, e diversi giornalisti arrivati dai Paesi Bassi.

Katia Ferraro

Suggerimenti