Monte Baldo

La neve di fine estate sulle montagne festeggia i 125 anni del Telegrafo

Il rifugio del monte Baldo festeggia 125 anni di storia, mentre la neve fa capolino sulla montagna veronese
La neve al rifugio Telegrafo sul monte Baldo. In lontananza, il lago di Garda
La neve al rifugio Telegrafo sul monte Baldo. In lontananza, il lago di Garda
NEVE SUL BALDO 17 SETTEMBRE 2022

È arrivata la neve questa mattina presto sul monte Baldo, così come nelle zone più in quota sul Carega, mentre pioveva sul resto della provincia di Verona.

Una nevicata di fine estate testimoniata dal video girato da Alessandro Tenca, gestore del rifugio Telegrafo. Il meteo nel corso della giornata è previsto in miglioramento.

 

 

Il programma dei festeggiamenti per i 125 anni del rifugio Telegrafo

E proprio in questi giorni il presidio sul Baldo celebra i 125 anni di storia. Per festeggiarli l'appuntamento è oggi, sabato 17 settembre, con ritrovo alle 17 (per chi vuole) alla stazione a monte della seggiovia Prada-Costabella (nei pressi del rifugio Fiori del Baldo), dove inizierà un mini trekking di avvicinamento al rifugio con Luca Montanari e Andrea Lanfri, che lo scorso maggio sono saliti sull'Everest. Verrà deciso soltanto in giornata se la seggiovia potrà aprire, dopo aver valutato le condizioni del vento.

Dopo il tramonto, alle 19.30, la cena e la possibilità di pernottamento in rifugio (per entrambi è necessaria la prenotazione al numero  0457731797).

Domenica 18, dal mattino, inizio delle trasmissioni con un telegrafo per celebrare i 125 anni del rifugio e alle 11 esibizione del Coro Scaligero dell'Alpe.

 

Leggi anche
Telegrafo, un approdo fra le nuvole. «Quassù è ogni volta una folgorazione»

 

La situazione in Veneto

Le precipitazioni sono deboli e sparse sulle Dolomiti, deboli e a tratti moderate e diffuse sulle Prealpi, con tendenza ad esaurimento dei fenomeni da metà mattinata. La quota neve è scesa fin sui 2000 metri, a tratti anche a quote inferiori a fine evento (1700-1800 metri). Al suolo - secondo le rilevazioni dell’Arpav - la neve non supera i 3 centimetri, e solo oltre i 2.500 metri supera i 10 centimetri, come a Cima Pradazzo, sopra Falcade (13) e Ra Valles, sopra Cortina (10). Sottili strati si sono infatti formati sui passi Falzarego, San Pellegrino, Fedaia e Pordoi. Non si segnalano tuttavia problemi alla viabilità.

 

 

 

Riccardo Verzè