CHIUDI
CHIUDI

23.08.2019

Minacce sul bus:
passeggero punta
arma su un altro

Auto dei carabinieri a una fermata di bus (foto archivio)
Auto dei carabinieri a una fermata di bus (foto archivio)

Un giovane di nazionalità nigeriana è accusato di tentata rapina aggravata. Sull’ultimo pullman in partenza da Verona alle 19.30 diretto a Sona, con fine corsa a Salionze, uno dei passeggeri ha urlato, ha chiesto aiuto e il conducente ha fermato il 161 e si è incamminato verso gli ultimi posti, poi ha chiesto: «C’è qualcosa che non va?». E questo ha interrotto la minaccia. Il giovane passeggero avrebbe minacciato di morte un altro per farsi consegnare lo zaino, e l’avrebbe colpito sulla mano; poi con un oggetto tagliente, probabilmente un coltellino, avrebbe tagliato una parte della sacca. La vittima ha reagito urlando e chiedendo aiuto e il bus si è fermato.

 

Dopo l’intervento del conducente la situazione sarebbe tornata alla normalità ma uno dei passeggeri, temendo che l’atteggiamento potesse degenerare in qualcosa di peggio, ha allertato il 113 mentre l’autista ha attivato le telecamere. A metà tragitto, all’altezza della Grande Mela, il proprietario dello zaino è sceso, seguito dall’altro che avrebbe continuato a minacciarlo di morte. Alla fermata è arrivata la pattuglia dei carabinieri che ha evitato il peggio. Il rapinatore è stato accompagnato in caserma dove, oltre alla tentata rapina, gli è stato contestato anche il possesso di un’arma da taglio, e poi condotto in carcere a Montorio. F.M.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1