CHIUDI
CHIUDI

29.06.2019

«Lasciate la strada solo per noi residenti»

Via Sant’Antonio a Malcesine: la strada è stretta e tortuosa
Via Sant’Antonio a Malcesine: la strada è stretta e tortuosa

Stretta, tortuosa e ripida, ma anche piuttosto trafficata, specialmente d'estate, perché utilizzata come scorciatoia da automobilisti, motociclisti e ciclisti. Via Sant'Antonio a Malcesine, per Gisela Rausch (e per altri proprietari come lei di seconde case situate lungo quella strada a due passi dalla stazione di partenza della funivia), sta diventando sempre più motivo di esasperazione. «La via è una ex mulattiera, che si inerpica su per la collina fino a collegarsi alla strada Panoramica», spiega Rausch, che si è fatta portavoce anche di altri cittadini che lamentano il disagio. «È pericolosa», afferma, «tanto che è stata teatro di incidenti. La visibilità è pessima ed è così angusta che due auto che si incrociano non riescono a passare. Non ci sono spazi. A tal punto che molti proprietari delle case che costeggiano la via, si ritrovano le auto in transito quasi dentro la loro proprietà, mentre sono intente a fare manovra per passare». «Il traffico», prosegue, «è consistente, specie adesso che è arrivata l'estate, con auto e moto che sfrecciano, così come il rumore dei veicoli in transito che suonano il clacson continuamente». Secondo Rausch, ma anche altri cittadini della zona, la via è frequentata non solo da chi ci abita o da chi ha la seconda casa o un'attività ricettiva, «ma pure dai residenti della località Le Vigne, che abitano poco sopra, sulla collina, e che usano via Sant'Antonio come scorciatoia per raggiungere più velocemente il centro di Malcesine senza allungare troppo il tragitto», afferma Rausch. Tempo fa era stata organizzata una raccolta firme a cui avevano aderito oltre trenta persone con la casa lungo la via, per segnalare la situazione e poi per ottenere interventi urgenti, prima al Comune e poi anche alla Procura attraverso un esposto. I firmatari chiedevano che l'accesso alla strada, che è comunale, fosse riservato solo ai frontisti. Ma secondo Rausch da allora quasi nulla è cambiato, in quanto la piccola arteria stradale continua ad essere percorsa da tutti, «in particolare da molti abitanti in località Le Vigne, alcuni dei quali a loro volta avevano presentato una raccolta firme contro le nostre richieste di renderla ad uso solo dei frontisti, per poter così continuare a percorrerla», sostiene Rausch. «Vogliamo che la strada diventi ad uso solo dei frontisti e che ci siano più controlli nei confronti di coloro che la percorrono a tutta velocità, nonostante ci siano i trenta all'ora, e che non rispettano le indicazioni dei cartelli stradali. Diversi ciclisti sono già caduti, così come un ragazzo in moto lo scorso anno. Bisogna intervenire al più presto altrimenti qui rischiamo davvero che ci scappi il morto. Tra l'altro, conclude Rausch, sottolineando ancora il problema sicurezza, «ho un fratello disabile. Se dovesse stare male l'ambulanza farebbe molta fatica a salire lungo la via per soccorrerlo. Insomma è una via usata da tutti ma dimenticata dal Comune». Sul tema il sindaco Giuseppe Lombardi afferma che la viabilità non verrà modificata, aggiungendo»: «La strada non si può allargare». Nella zona, all'imbocco della via, a valle, dichiara che verrà spostata la cabina dell'Enel e verrà tolto il capitello. Per il comandante della polizia locale Luigino Bresaola il problema comunque non esiste: «Al suo tempo abbiamo effettuato già alcuni interventi, anche per rendere meno scivolosa la strada, con buoni risultati. La viabilità della strada va bene così come è. Non abbiamo particolari segnalazioni, quindi non servono ulteriori correttivi». •

Emanuele Zanini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1