CHIUDI
CHIUDI

03.07.2019

I tre sindaci: «Affidate l’ospedale ai privati»

Livio Concini (Malcesine)Davide Benedetti (Brenzone)
Livio Concini (Malcesine)Davide Benedetti (Brenzone)

«La diminuzione dei posti letto operata dalla Direzione delle professioni sanitarie della Ulss 9, che porterà i posti letto dell’ospedale di Malcesine a 58, sia temporanea. La Ulss 9 intanto si attrezzi però per fare fronte alle carenze di organico». Questa, in sintesi, la posizione espressa con una lettera firmata dal sindaco di Brenzone, Davide Benedetti, da quello di Torri, Stefano Nicotra, e dall’assessore ai servizi sociali di Malcesine, Livio Concini e inviata al direttore generale della Ulss 9. Con la comunicazione con protocollo numero 103585 del 20 giugno, il direttore delle professioni sanitarie, Maria Grazia Cengia, e il direttore di Direzione medica ospedaliera, Paolo Montresor, avevano comunicato la «nuova organizzazione...a partire dal 1 luglio 2019». I posti letto dell’ospedale sono 80 anche se, al momento, ne sono utilizzati solo 69. Dal 1. luglio però sono calati a 58 per la «mancata sostituzione di una decina tra infermieri e operatori socio sanitari a causa di svariate cessazioni, assenze per malattia e trasferimenti», e la difficoltà nel reperire o «l’assenza di personale medico e infermieristico disposto ad accettare l’assunzione per lavorare a Malcesine», come avevano scritto dalla Ulss 9. «La riduzione dei posti letto», hanno scritto Benedetti, Nicotra e Concini, «pur permettendo di garantire i servizi minimi, deve essere finalizzata alla risoluzione di criticità quali l’acquisizione di personale...e lo smaltimento dei residui di ore e ferie arretrate». Di qui le richieste. Primo. «La Riabilitazione cardiologica è chiusa da novembre 2018: in assenza di possibilità di riapertura per carenza di cardiologi, si chiede di riattivare, da settembre 2019, la convenzione col Trentino per fare venire i cardiologi almeno 2 volte a settimana». Secondo. «Incremento del personale medico, infermieristico e di operatori socio-sanitari con lo scorrimento delle graduatorie sia venete che trentine fino al completamento delle necessità». Terzo: «incremento delle giornate per donazioni ematiche a 6 volte l’anno, come già concordato con la Ulss 9, anche mediante convenzione col Trentino se non ci sono medici nella Ulss 9». Quarto: «Incremento delle visite specialistiche in branche da concordarsi con i sindaci per aumentare le prestazioni e i servizi offerti in ospedale». Quinto, forse il più importante per il futuro di Malcesine: «Se non saranno sistemati i punti sopra, avvio del percorso che porti, attraverso un bando, alla gestione da parte di un privato accreditato della struttura di Malcesine». Chiosa finale: «Scriviamo con leale spirito di collaborazione per cercare assieme soluzioni, non per creare problemi». Resta ora da vedere se quanto richiesto dai sindaci sarà soddisfatto sia in termini di convenzioni con Trentino per lo scorrimento delle graduatorie, che per la gestione data a un privato, in accordo con la Regione. Nell’alto Garda gli amministratori attendono risposte. Nel frattempo, il gruppo di minoranza di Brenzone «Tradizione e Innovazione» è intervenuta con una mozione. Il gruppo guidato dall’ex sindaco, Tommaso Bertoncelli, ha depositato un documento firmato anche dai colleghi Aldo Veronesi e Gianangelo Alpino. La mozione impegna la giunta a «sollecitare la Regione a predisporre quanto previsto dalle nuove schede, ovvero la possibilità di assegnare la gestione in concessione a soggetto privato accreditato», e chiede «l’istituzione di una commissione Regione, Ulss 9, Comuni dell’alto Garda che rediga le linee guida del bando». •

Gerardo Musuraca
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1