CHIUDI
CHIUDI

23.06.2019

Una piazza
per Bozzini,
l'alpino-scrittore

Intitolata a Vittorio Trento Bozzini la piazzetta ex Milana, luogo dove l"ex sindaco e reduce di Russia ha vissuto per un lungo lasso di tempo.

La targa

 A scoprire la targa sono stati il sindaco Luca Sebastiano ed il vice presidente nazionale degli alpini Alfonsino Ercole. Con loro erano presenti i figli Elena, Roberto e Stefano Bozzini nonché la sorella del professore Iolanda a cui il sindaco ha donato un mazzo di fiori.

«Rendere omaggio a Vittorio Bozzini a dieci anni dalla morte è un onore grande per tutti noi - ha esordito il sindaco- perché ha lasciato a Lazise un segno indelebile della sua vita dedicata alla scuola come preside, alla comunità civile come sindaco, alla Patria come alpino, alla storia per aver vergato i patimenti dei reduci di Russia nei suoi scritti».

«Vittorio è e resta per gli alpini veronesi il mito e l'esempio di chi come roccia è attaccati agli ideali della vita e della fratellanza- ha detto commosso Alfonsino Ercole- perché il suo alto senso di responsabilità e di Patria non è mai venuto meno neanche di fronte al sublime patimento della steppa russa e della neve rossa colorata dal sangue degli alpini italiani in ritirata. Esempio fulgido da far conoscere alle giovani generazioni».

 

Sergio Bazerla
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1