Morirono due giovani

Incidente sul Garda, condannati i due tedeschi. I genitori delle vittime: «Dobbiamo accettare il giudizio, resta il dolore»

L'incidente sul Garda
L'incidente sul Garda
Turista tedesco barcolla e cade in acqua

Il tribunale di Brescia ha condannato a 4 anni e 6 mesi Patrick Kassen e a 2 anni e 6 mesi Cristian Teismann, i due tedeschi che il 19 giugno scorso erano a bordo del motoscafo Riva che nelle acque del lago di Garda travolse il gozzo sul quale erano fermi Umberto Garzarella, 37 anni, e Greta Nedrotti, 24 anni, entrambi morti.

Kassen per sua stessa ammissione, era alla guida del motoscafo. Il pm aveva chiesto la condanna a 6 anni e mezzo per Kassen e a quattro anni e due mesi per Teismann accusati di omicidio colposo, naufragio e omissione di soccorso.

 

I genitori di Greta Nedrotti dopo la sentenza
I genitori di Greta Nedrotti dopo la sentenza

 

«Non possiamo che accettare il giudizio, la legge è questa. Solo loro sanno cosa è successo quella sera, ubriachi o no. Io non posso dare giudizi, la loro coscienza rimarrà tutta la vita. Questo dolore rimarrà a loro come rimarrà a me». Lo ha detto Enzo Garzarella, il papà di Umberto, uno dei due ragazzi con Greta Nedrotti, uccisi dal motoscafo sul quale c’erano i due tedeschi Patrick Kassen e Christian Teismann condannati oggi dal tribunale di Brescia.

«Non possiamo fare altro che accettare il giudizio - è il commento dei genitori di Greta Nedrotti -, la legge italiana è questa. La nostra condanna è iniziata lo scorso 19 giugno».

Leggi anche
Tragedia di Salò, firmato il mandato d'arresto europeo per l'uomo alla guida del motoscafo