CHIUDI
CHIUDI

13.12.2019

Sedici Comuni chiedono il liceo di scienze umane

Un nuovo indirizzo scolastico è stato chiesto dal Baldo Garda per il «Curie» di Garda. Sedici Comuni di tale territorio hanno siglato la lettera che il sindaco di Brenzone sul Garda, Davide Benedetti, ha consegnato all’assessore regionale all’Istruzione Elena Donazzan e al vice presidente del Consiglio regionale Massimo Giorgetti. Il documento supporta la richiesta dell'Istituto di istruzione superiore «Marie Curie» di Garda, di attivare, in questa sede, il nuovo indirizzo di «liceo delle scienze umane». Le amministrazioni concordi sono San Zeno di Montagna, Torri del Benaco, Caprino, Costermano e Brenzone sul Garda, Peschiera e Castelnuovo del Garda, Rivoli, Affi, Bardolino, Cavaion, Valeggio sul Mincio, Lazise, Ferrara di Monte Baldo e Pastrengo. «Ho ricevuto le firme di sedici amministrazioni comunali del comprensorio del Baldo-Garda», conferma l’assessore Donazzan, «segnale evidente dell’importanza di questa richiesta. L’impegno della Regione è sostenere una corretta programmazione dell’offerta formativa in sintonia con le esigenze del territorio. Pertanto, con gli uffici, stiamo vagliando la compatibilità di tale istanza». «L’Istituto “Marie Curie” di Garda», evidenzia Giorgetti, «ha chiesto alla Provincia di Verona l’attivazione del nuovo indirizzo scolastico. Purtroppo l'esito è stato negativo. Mi auguro che la collega Donazzan riconsideri la richiesta, visto che giunge dal territorio: da sedici amministrazioni che rappresentano le famiglie e le legittime aspirazioni dei loro figli. Il Baldo-Garda è sprovvisto di tale offerta che contribuirebbe a completarne e valorizzarne le proposte didattiche, formative e culturali». il sindaco di Caprino, Paola Arduini, fa sapere: «Un gruppo di insegnanti e di genitori si è fatto portavoce di questa istanza di numerose famiglie, e si è rivolto anche a me, per trovare una soluzione positiva. Perciò, di concerto con altre quindici amministrazioni e la dirigenza dell’Istituto di Garda, la richiesta è stata sottoscritta e inviata a Venezia. Mi auguro che l’intervento dell’assessore regionale e del vicepresidente del Consiglio regionale porti il risultato sperato». Prosegue Benedetti: «Ho voluto consegnare nelle mani di Donazzan e Giorgetti le firme già trasmesse ufficialmente perché questo indirizzo risparmierebbe ai nostri studenti lunghi viaggi quotidiani per raggiungere istituti distanti, aumentando la qualità della vita. Potrebbero investire le ore di viaggio risparmiate praticando sport o studiando».

B.B
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1