Fondo di solidarietà per chi è in difficoltà

L’assessore Irene Armani
L’assessore Irene Armani

Conto alla rovescia per beneficiare del Fondo di solidarietà alimentare a favore di cittadini in difficoltà. Anche a Caprino è partita la campagna di assegnazione dei buoni destinati a residenti che in questo periodo di emergenza sanitaria sono in condizioni economiche e lavorative precarie. Requisiti e moduli di richiesta sono sul sito del Comune all'indirizzo www.comune.caprinoveronese.it . Sintetizza l'assessore al Sociale Irene Armani, precisando che le domande verranno poste in graduatoria ogni quindici giorni e accolte fino alle 12 del 30 aprile di quest'anno, salvo esaurimento dei fondi. «Per accedere bisogna avere la residenza nel comune di Caprino e un Isee (Indicatore della situazione economica equivalente, ndr) in corso di validità inferiore a 12mila euro annui», afferma l’assessore Armani. Le modalità di presentazione della domanda», precisa, «sono volte a garantire un afflusso contingentato agli uffici nel rispetto delle norme di contrasto alla diffusione del virus». Vanno quindi presentate mediante posta elettronica all'indirizzo pec comune.caprinoveronese.vr@pecvenetoit; tramite servizio postale o corriere all'indirizzo Comune di Caprino Veronese, piazza Roma 6, 37013 Caprino Veronese. Possono anche essere consegnate all'ufficio Protocollo previo appuntamento da concordare telefonando allo 045.6209944 o allo 045.6209945. Si devono allegare copia di un documento di identità e attestazione Isee. «Il beneficio sarà erogato mediante “gift card”, tessere, spendibili negli esercizi convenzionati del Comune di Caprino i cui nominativi sono a loro volta pubblicati sul sito del Comune. Le “gift card”, precisa Armani, «sono personali e non cedibili, utilizzabili per acquistare beni alimentari, ma non alcolici, e di prima necessità come quelli per l'igiene personale. Gli importi e le modalità di consegna delle gift card sono indicati sempre sul sito del Comune. Chi ha bisogno», chiude l'assessore Armani, «non esiti a inoltrare questa domanda e non si senta imbarazzato, perché siamo tutti in una situazione emergenziale critica».

B.B.