Fiera del miele al via tra stand, concorsi e convegni sulle api

È una sorta di ritorno alle origini la 41esima edizione della fiera nazionale «I Giorni del Miele» di Lazise, in programma da giovedì 1 a domenica 4 ottobre, che per rispettare le misure anti Covid sarà allestita all’aperto con stand e banchetti dislocati tra lungolago Marconi e piazza Vittorio Emanuele II. Mentre la mostra-mercato di miele, prodotti dell’alveare e loro derivati apre i battenti domani alle 10 tra lungolago Marconi e Corso Cangrande, (con orario continuato fino alle 22 per tutto il fine settimana), il primo appuntamento dedicato agli apicoltori (ma anche a medici, farmacisti, infermieri, fitoterapisti e in generale a chiunque sia interessato) è fissato per oggi dalle 14 in Dogana Veneta con il corso sull’apiterapia e le sue applicazioni, che prosegue per tutta la giornata successiva (per informazioni 348.8048836). Oggi alle 13.30 la Dogana Veneta ospita le premiazioni dei concorsi «L’Ape d’oro», dedicato ai migliori mieli tipici, e «L’Ape della Serenissima» rivolto invece ai mieli prodotti nel Veneto. Quattro i convegni che si alterneranno sempre in Dogana sabato e domenica, in collaborazione con il Comune di Lazise. Sabato mattina (dalle 9 alle 13) si affronteranno tra l’altro i temi della nutrizione delle api e delle nuove acquisizioni nella ricerca delle patologie dell’alveare, mentre nel pomeriggio (dalle 14 alle 18.30) si approfondirà l’introduzione dell’apiterapia nella medicina integrativa. Domenica mattina il tema sarà la salvaguardia dell’ape italiana e l’utilizzo del farmaco veterinario in apicoltura, mentre nel pomeriggio si terrà il primo convegno nazionale dei «Comuni amici delle api», appellativo che possono vantare gli enti locali che adottano provvedimenti di tutela degli insetti impollinatori. Tra le esperienze saranno citate quelle di alcuni Comuni che possono già fregiarsi di questo titolo tra cui, nel Veronese, Negrar, Fumane e San Pietro in Cariano. «Si tratta di aderire a un protocollo di azioni per favorire le api», spiega l’assessore Elena Buio, anticipando la volontà di far aderire anche il Comune di Lazise. •

K.F.