CHIUDI
CHIUDI

06.12.2019

«Lavoreremo per riaprire appena sarà possibile»

Preso atto della decisione di Novezza Futura srl di non aprire gli impianti quest'anno, il sindaco, Serena Cubico, assicura che continuerà «a lavorare, con la sua amministrazione, per una riapertura della stazione, nel più breve tempo possibile». Intanto, come fa sapere la Provincia e come afferma l'amministratore unico, già in maggio la società informò tale ente della sospensione temporanea dell'esercizio, rinuncia confermata a novembre. La concessione resta in ogni caso sua, poiché, come prevede la legge, può essere ritirata solo se gli impianti restassero fermi due anni. La riapertura, invece, resta sempre possibile. Sono ora in concessione i due tapis roulant, che finora avevano avuto autorizzazioni temporanee perché Novezza Futura srl doveva completare l'impianto d' innevamento artificiale programmato. Quest'ultimo è stato verificato dalla Provincia, con esiti positivi, un mese fa. Tanto che ora la società dovrebbe chiedere l'autorizzazione definitiva all'esercizio. Il sindaco spiega: «Prediamo atto della decisione. Apprezziamo che Novezza Futura srl riconosca che l'amministrazione, anche con fondi esterni ricevuti, ha negli anni lavorato per incrementare la località da un punto di vista degli impianti sciistici e dei servizi a supporto dei visitatori, come palazzina servizi, parcheggi, viabilità. In relazione alla richiesta di revisione del contratto di concessione stipulato nel 2013, il Consiglio comunale, già in aprile, ha risposto deliberando una proroga per permettere l'attuazione di quanto previsto dal bando. Non è però possibile fare modifiche alla realizzazione di strutture previste in un contratto stipulato sulla base di un bando pubblico. Un contratto firmato non può essere cambiato se, in seguito, Novezza Futura srl fa altre valutazioni. Siamo dispiaciuti per questa rinuncia», prosegue, «perché anche la sciovia/skilift realizzata dal Comune è stata messa a disposizione di Novezza Futura srl con un'ulteriore concessione nel 2018. Comprendiamo anche l'amarezza di una società che dichiara di trovarsi in difficoltà: non può fare piacere che un investimento, privato e pubblico non dia gli esiti sperati. Tuttavia non possiamo sostituirci alla concessionaria nelle sue decisioni e nei suoi rapporti col mercato». E chiude: «Novezza resta comunque a disposizione di chi ama la montagna. Ricordiamo le passeggiate, con e senza ciaspole, la natura e le buone cose che aspettano tutti anche in questa nuova stagione invernale».

B.B.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1