CHIUDI
CHIUDI

21.05.2019

Duecento bambini
in marcia per «un
mondo diverso»

Il diritto alla salute, all'istruzione, al cibo. Il diritto a essere ascoltati, a vivere in un ambiente sano e pulito, ad avere una famiglia. Stamattina 200 bambini della scuola primaria Soletti di Cavaion, insegnanti, genitori, rappresentanti delle istituzioni e delle forze dell'ordine, la dirigente scolastica dell'Istituto comprensivo di Cavaion, Affi, Patrengo Stefania Be, la psicologa Giuliana Guadagnini hanno sfilato nella "Marcia per i diritti dei bambini" partendo dalla scuola e arrivando all'Arena Torcolo.

 

Il lungo corteo ha attirato l'attenzione dei passanti, dato che oggi era anche giorno di mercato a Cavaion, e si è concluso con canti e riflessioni nel grande teatro all'aperto. La marcia ha concluso un anno di lavoro a scuola sulla Carta dei diritti dei bambini dell'Onu, lavoro coordinato dell'insegnante Maria Mogavero. "Chi cresce conoscendo i propri diritti cresce bene e cresce libero" spiega Mogavero. "Ringrazio colleghe e bambini, tutti, perché hanno lavorato tantissimo. È stato un anno intenso e nuovo, abbiamo fatto belle cose." Aggiunge Guadagnini: "Ci dimentichiamo spesso dei nostri diritti, e anche dei doveri. Partiamo dai nostri bambini per parlare di diritti e cambiare il messaggio, all'interno della nostra vita, perché sia autentico e non valga solo per oggi." 

Camilla Madinelli
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1