CHIUDI
CHIUDI

13.06.2019

Parte la nuova era con Dal Cero Per il suo vice ci sarà la staffetta

La nuova giunta: Thomas Righetti, Arielli Rossella, sindaco, Cinzia Zaglio, Marilinda Berto e Gugole PECORA
La nuova giunta: Thomas Righetti, Arielli Rossella, sindaco, Cinzia Zaglio, Marilinda Berto e Gugole PECORA

Dopo una campagna elettorale serrata e accesa, il primo Consiglio comunale di Castelnuovo del Garda si è svolto in un clima disteso. Con il giuramento del neosindaco Giovanni Dal Cero, avvocato 42enne esponente della Lega, è iniziata una nuova era per il paese più popoloso della costa veronese del Garda. Gremita la sala civica 11 Aprile 1848: seduti tra il numeroso pubblico anche l’ex sindaco Giovanni Peretti e alcuni componenti della passata amministrazione. Dal Cero ha aperto il suo discorso di insediamento ringraziando i cittadini «che prima ci hanno spronato a fare la lista del cambiamento e poi ci hanno premiato» e congratulandosi con i consiglieri eletti: «Quattro candidati sindaco e sessantuno candidati consiglieri sono un ottimo auspicio per il futuro di Castelnuovo», ha sottolineato, con l’invito ai cittadini a «continuare a impegnarsi e rimanere interessati alla vita politica del paese» e la garanzia di lasciare «porte aperte» alle proposte che arriveranno per amministrare nel miglior modo il Comune. Nell’intervento il neosindaco ha citato progetti sovracomunali (collettore fognario del Garda, casello autostradale della A4, autonomia del Veneto) e promesso di attivarsi per le «opere pubbliche che i cittadini attendono da anni», con l’impegno a «tessere rapporti con i comuni vicini, con enti ed istituzioni». Ai consiglieri di minoranza Dal Cero ha chiesto di «vigilare e portare proposte» in un’ottica di collaborazione. LE DELEGHE. Il sindaco tiene per sé le deleghe a urbanistica, edilizia privata, turismo, polizia locale, attività produttive e comunicazione. In base alle preferenze ottenute entrano in Giunta come assessori Cinzia Zaglio (tributi, lavori pubblici, sport, manutenzioni e patrimonio), Rossella Vanna Ardielli (istruzione, cultura e convegni), Gianfranco Gugole (bilancio, sicurezza, rapporti con enti istituzionali), Thomas Righetti (manifestazioni e associazioni) e Marilinda Berto (servizi alla persona e famiglia, pari opportunità, gemellaggi). Stabilita la staffetta della carica di vicesindaco: per la prima parte del mandato vicesindaco sarà Rossella Ardielli, ruolo che il primo gennaio 2022 lascerà a Cinzia Zaglio. Deleghe spartite anche tra i consiglieri di maggioranza: Franco Tacconi (nominato capogruppo della lista Si Cambia) seguirà i rapporti con la frazione di Sandrà; Andrea Adami si occuperà di commercio e rapporti con le associazioni di categoria; a Franco Trivellin protezione civile e agricoltura; a Francesca Tinelli (23 anni, la più giovane eletta in Consiglio) le politiche giovanili; Paolo Gallina seguirà personale, rapporti con le aziende, bandi e finanziamenti; Marcello Giacomelli viabilità e ambiente. LE MINORANZE. Davide Sandrini, capogruppo della lista Sandrini Sindaco (di cui fanno parte Silvia Fiorio e gli ex assessori Roberto Oliosi e Chiara Trotti) ha assicurato che il progetto elettorale costruito in questi mesi andrà avanti. Nel nuovo ruolo di minoranza, ha sottolineato, «saremo propositivi ma attenti e implacabili affinché Castelnuovo mantenga il livello di eccellenza raggiunto in vari campi negli ultimi anni, come nelle politiche per la famiglia, in quelle energetiche, del commercio, turistiche e sociali». Collaborazione garantita anche da Riccardo Oliosi, unico rappresentante in Consiglio della lista Castelnuovo Democratica, che ha ricordato il ruolo dato dalla componente di centrosinistra negli ultimi 15 anni di amministrazione castelnovese. Oliosi ha definito «significativo» il compito che lo attende, alla luce del colore politico degli eletti, «per la maggior parte espressione di gruppi politici che fanno riferimento al centrodestra». •

Katia Ferraro
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1