GARDA

Cameriere di 25 anni muore tra la folla: stroncato da un malore al ristorante

Allarme lanciato da un collega, arrivano ambulanze ed elicottero ma la rianimazione non evita il dramma
Turisti sul lago di Garda
Turisti sul lago di Garda
Turisti sul lago di Garda
Turisti sul lago di Garda

Si è accasciato all’improvviso tra i tavoli mentre stava servendo i clienti sul lungolago Regina Adelaide di Garda, in pieno centro storico. È stato un malore, probabilmente un arresto cardiaco, a causare il decesso di un cameriere 25enne che prestava servizio all’hotel ristorante Miralago. Un pomeriggio di sole trasformato nel peggiore degli incubi.

Il fatto è accaduto ieri intorno alle 16,40 e ha richiamato l’attenzione di tanti residenti, lavoratori e vacanzieri che in questi giorni popolano il paese. Ad allertare i soccorsi è stato un collega del ragazzo: in poco tempo sono arrivati l’elicottero di Verona Emergenza e due ambulanze. Il personale sanitario è atterrato sul pontile della Navigarda, a pochi passi dall’hotel Miralago, calandosi dall’elicottero con il verricello. Le manovre rianimatorie sono durate mezz’ora sul lungolago, ma per il ragazzo non c’è stato nulla da fare e alla fine i medici hanno potuto solo constatarne il decesso.

Attualmente ignota l’identità del giovane, probabilmente di origini albanesi. «Non lo conoscevo, mi è stato riferito che era venuto qui per fare la sua prima stagione», spiega il sindaco di Garda Davide Bendinelli. Il responsabile dell’attività in cui il cameriere aveva iniziato da poco a lavorare preferisce non fornire ulteriori dettagli dell’accaduto. Scosse anche le persone che hanno assistito alla scena: «I soccorritori hanno tentato di tutto per rianimarlo», è l’affermazione unanime. Sul posto per gli accertamenti sono arrivati anche i Carabinieri. Solo intorno alle 19, esaurite le formalità, è stato possibile spostare la salma del ragazzo, presa in carico dagli addetti delle onoranze funebri.•. 

Katia Ferraro

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati