CHIUDI
CHIUDI

14.12.2019

Si assumerà un vigile urbano con i soldi delle multe del 2020

Un recente intervento della polizia locale a Brenzone
Un recente intervento della polizia locale a Brenzone

Dalle multe per le infrazioni al codice della strada arrivano poco meno di 50 mila euro per la messa in sicurezza delle strade, oltre che per migliorare la circolazione e il traffico a Brenzone, e per la previdenza degli agenti della Polizia locale. È la decisione della giunta guidata dal sindaco, Davide Benedetti, con la delibera numero 130. «Il Comune, nella redazione del bilancio di previsione 2020-2022, per l’esercizio finanziario 2020 ha previsto 76 mila euro come introiti da ammende per infrazioni al codice della strada», si legge nella delibera. La giunta ha quindi deciso di «destinare...la somma complessiva di 49 mila 588 euro per finanziare, anche solo parzialmente, i seguenti interventi: 10 mila euro per miglioramento della sicurezza stradale con sistemazione della segnaletica, 9 mila e 500 euro per il potenziamento e gestione delle attività di controllo e accertamento delle violazioni del Codice della strada, 2 mila e 400 euro per la previdenza complementare degli agenti e, infine, 27 mila 688 euro per la assunzione stagionale di un agente di polizia locale per 10 mesi». La somma di 49 mila 588 euro «rappresenta il 65,25 per cento dei proventi delle sanzioni amministrative», fanno sapere ancora dall’alto lago. Rispetto agli anni precedenti, i quasi 50 mila euro di oggi sono in linea col passato e sono circa 10 mila euro in più rispetto al 2016. Erano stati 51 mila 864 euro, infatti, i soldi stanziati dalla giunta per migliorare, nel 2019, la sicurezza sulla Gardesana, l’illuminazione pubblica e per maggiori controlli stradali con l'assunzione di personale stagionale. Nel 2016 l’investimento era stato invece inferiore: quasi 42 mila euro. Rispetto a quell’epoca però, il comune dell'alto Garda deve oggi fare da sé visto che è stata sciolta, da due anni, la convenzione con la Polizia locale di Malcesine, in vigore dal 2013. L’introito previsto per le sanzioni amministrative e le ammende, 76 mila euro per il 2020, è identico alla cifra stanziata l’anno precedente e più bassa rispetto agli 82 mila dell’esercizio finanziario del 2018. «I proventi delle sanzioni per violazioni al Codice della strada», hanno spiegato dal municipio, «hanno una ripartizione stabilita dalla legge: il 50 per cento dei proventi spettanti ai Comuni è destinato, in misura non inferiore al 12,5 per cento del totale, a interventi di sostituzione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione della segnaletica delle strade, stessa percentuale per il potenziamento delle attività di controllo e accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, una quota non superiore al 25 per cento del totale serve invece per il miglioramento della sicurezza stradale attraverso manutenzione delle strade di proprietà dell'ente, installazione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione delle barriere e alla sistemazione del manto stradale, oltre che per tutela degli utenti deboli quali bambini, anziani, disabili, pedoni e ciclisti, ed altro ancora». •

G.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1