CHIUDI
CHIUDI

07.01.2020

Ultimi ritocchi sulla ciclabile Rivive l’antica Ronchi Lunghi

Un gruppo di ciclisti su una pista ciclabile
Un gruppo di ciclisti su una pista ciclabile

A gennaio verrà completata la riqualificazione dell’antica strada Ronchi Lunghi, che è stata trasformata in un suggestivo percorso ciclopedonale tra la natura e al sicuro dal traffico veicolare. Lo annuncia il sindaco Roberto Bonometti: «Basteranno pochi giorni di bel tempo, subito dopo l’Epifania, per stendere gli ultimi 700 metri di agglomerati bituminosi della pavimentazione che consente a tutti i tipi di bicicletta e non solo alle mountain bike, di percorrere quel bel tratto di ciclopedonale che parte dal capitello di San Marco e porta nel territorio di Cavaion», spiega il sindaco. «Il costo di questo progetto complessivamente ammonta a 400mila euro». L’antica via di collegamento unisce il borgo storico di Affi e la contrada Cà Orsa. La strada, prima che iniziassero i lavori, era una semplice capezzagna utilizzata esclusivamente da mezzi agricoli nel tratto alla base del monte, mentre il tratto a mezza costa era distrutto in più punti e non era più percorribile. Il primo stralcio dei lavori sulla pista, ha riguardato il ripristino del muro di sostegno della strada e la riapertura del tratto del passaggio a mezza costa. Nel secondo stralcio si è provveduto, invece, al completamento del muro di sostegno, che è stato rivestito in pietra, e alla sistemazione e all'installazione di un impianto di illuminazione pubblica e del tratto pedonale ai piedi del monte. Poi si è provveduto alla posa della pavimentazione. L'apertura della versione ciclopedonale dell'antica strada dei Ronchi Lunghi, completa così il circuito Cà Orsa, Affi, Moscal, Incaffi. Questo percorso parte dalle antiche fontane, ai piedi del monte Moscal, e dalla ex stazione della ferrovia Verona-Caprino e attuale biblioteca e si congiunge all'anello ciclabile intercomunale Affi-Costermano-Caprino-Rivoli. Il percorso si sviluppa passando davanti all’ingresso dell'ex base Nato West Star, per poi transitare nel centro storico di Affi, fino alla Cà Orsa e proseguire verso la frazione di Incaffi, passando per Casetta e Cà Vettor. La Strada dei Ronchi Lunghi fa parte dell’anello pedonale e ciclabile perimetrale al monte Moscal. Gli escursionisti, ma anche i residenti, hanno così, a disposizione una via di comunicazione che consente di raggiungere in sicurezza, sia a piedi che in bicicletta, sia Cà Orsa sia l'abitato antico di Affi, in uno splendido scenario. Prima invece si poteva percorrere solamente via Pozzo dell'Amore, delimitata dai muri di confine dei broli e senza marciapiede. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Luca Belligoli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie