CHIUDI
CHIUDI

29.10.2019

«Reflui fognari nel sottopasso che porta ai negozi»

I consiglieri comunali del gruppo Lega Nord Mani pulite per Affi Monica Burato, Giuseppe Delibori e Moreno Cremonini denunciano l’infiltrazione di reflui, probabilmente fognari, nel sottopasso di via Costabella, che collega l’area urbana di Affi alla zona dei centri commerciali. Per questo hanno scritto agli uffici ecologia e lavori pubblici del Comune di Affi, al settore servizi ambientali e alla Polizia della Provincia di Verona e al dipartimento di prevenzione, salute e ambiente dell’Ulss 9. «Segnaliamo la situazione anomala del sottopasso di via Costabella (che si trova a poca distanza dal depuratore fognario, ndr) dovuta alla presenza di materiale di origine sconosciuta sulla pavimentazione, unita ad esalazioni odorigene intollerabili», riferiscono Burato, Delibori e Cremonini. «Questo fenomeno non è nuovo, ma si ripresenta ogni volta che avvengono copiose precipitazioni. Dopo ogni evento temporalesco il sottopasso, costruito per rendere sicuro il passaggio dei pedoni dal centro abitato alla zona commerciale, risulta impraticabile a causa dello stagnamento di liquidi che, all’occhio e, soprattutto, all’olfatto, non sembrano essere acqua piovana», proseguono i consiglieri. «Lo abbiamo verificato di persona, in seguito alla segnalazione di alcuni cittadini. La pavimentazione del sottopasso, dopo l’evaporazione dei liquidi, rimane coperta da uno spesso strato di materiale solido e biancastro e nell’aria ristagna un forte e nauseabondo odore. Risultano coperte da questo spesso strato di materiale anche le griglie di scolo all’entrata e all’uscita del sottopasso. Per questo chiediamo una verifica con sopralluogo, affinché», concludono Burato, Delibori e Cremonini, «vengano presi provvedimenti per risolvere una volta per tutte questa grave situazione igienico-sanitaria». •

L.B.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1