CHIUDI
CHIUDI

17.05.2019

I magnifici 90 anni della cuoca Maria Girardi

Maria Girardi ai fornelli
Maria Girardi ai fornelli

Compie oggi 90 anni Maria Girardi, nata nel 1929 in località Casetta di Incaffi in una piccola corte agricola sulle pendici del monte Moscal verso la Valsorda. Anni spesi sia a crescere una famiglia che oggi conta una decina tra figli, nipoti e pronipoti, sia a cucinare manicaretti: in casa, nella trattoria e pizzeria aperta a Caselle di Sommacampagna con il marito Luigi Dal Corso, per la comunità in maniera gratuita e generosa. Maria è sempre stata disponibile, infatti, nel sostenere le associazioni di volontariato di Incaffi, suo paese natale e della zona. Sono famose, nel paesino sopra Affi, le sue frittate con 100 uova e cipolle offerte in occasione di feste. Ora i figli Gianni e Gabriele, Stefano e Graziella, continuano l’attività nella trattoria. La «Maria di Caselle», invece, come viene chiamata da molti, preziosa testimone delle tradizioni popolari veronesi, si gode lo «status» di bisnonna ma è sempre pronta a dare una mano ai fornelli. I suoi piatti forti? Lasagnette al ragù e pasticcio di carne. Per anni, inoltre, ha informato lei stessa le pizze. Per festeggiare il suo novantesimo compleanno, oggi si terrà in trattoria un incontro parenti e i numerosi amici di Incaffi e Caselle, le due comunità a cui si sente legata che non mancheranno per nulla al mondo. Durante l’adolescenza ha assistito ai bombardamenti della seconda guerra mondialetremava di paura per il passaggio di «Pippo», l’aereo ricognitore che mitragliava gli insediamenti. Ricorda anche l’arrivo degli americani nel 1945 e l’ha raccontato, in qualità di testimone, nel film del regista Vittorio Quattrina sulla Liberazione. Subito dopo la guerra è emigrata in Svizzera in cerca di lavoro. Ha conosciuto il suo futuro marito, Luigi, sposato nel 1957 una volta tornata in Italia. Insieme comprarono un terreno a San Giorgio in Salici in località La Palazzina, dove vissero una decina d’anni. Nel 1971 aprì la trattoria con Luigi, che morì prematuramente nel 1979. La «Maria di Caselle» con Incaffi sempre nel cuore, non si perse d’animo, allevò quattro figli e mandò avanti il locale. Trovando sempre il tempo per le sue memorabili frittate. •

C.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1