CHIUDI
CHIUDI

04.01.2020

Solchi sulla Provinciale Mezzi pesanti rischiano di ribaltarsi nel fosso

Il solco scavato dopo l’uscita dalla carreggiata
Il solco scavato dopo l’uscita dalla carreggiata

È di questi giorni la riprova che la provinciale dell’Adige e del Tartaro è stretta nel tratto tra Vago di Lavagno e Zevio. Basta recarsi all’altezza della località Lendinara per rendersi conto della pericolosità della strada in parte lambita da un torrente largo e profondo. Distanti tra loro alcune centinaia di metri, su entrambi e lati della carreggiata si possono notare i solchi scavati dalle ruote di mezzi pesanti scampati al ribaltamento. In pratica, una sorta di profonde arature sulla stretta banchina, resa più cedevole dall’umidità del periodo invernale. In zona il ribaltamento è quasi una costante, essendoci da una parte della strada un fosso profondo e, dall’altra, il piano campagna più basso di circa un metro rispetto al livello di marcia. In corrispondenza dei due sbandamenti, avvenuti in momenti diversi, qualcuno ha messo segnali di banchina cedevole. Sono proprio i mezzi pesanti, causa le dimensioni, che incontrano le maggiori difficoltà a rimanere in assetto slla provinciale 20, larga in tutto cinque metri e novanta centimetri. I conducenti dei camion non devono concedersi il benché minimo errore di traiettoria quando s’incrociano. Alcuni mesi fa si è ribaltato su un fianco anche un compattatore della nettezza urbana che stava viaggiando in direzione Vago. In paese la pericolosità della strada è sulla bocca di tutti, soprattutto da quando il traffico è aumentato per l’apertura di un centro commerciale prima di Vago. All’indomani del ribaltamento del mezzo della nettezza urbana il Comune aveva annunciato segnalazioni all’ente competente sulla 20, la Provincia. Ma finora tutto è com’era.

P.T.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie