CHIUDI
CHIUDI

01.11.2019

Passaggio pedonale da record

Esaudito il desiderio degli alunni delle medie di avere un passaggio pedonale da record. Parte dal camminamento del fossato che circonda il castello, si snoda in piazza Santa Toscana e arriva in via Fratelli Stevani. La richiesta era stata avanzata qualche mese fa da una delegazione di ragazzi dell’Altichiero al sindaco Diego Ruzza, nell’ambito di una serie di proposte per migliorare la pedonabilità nel cuore del capoluogo. La risposta ora, approfittando dell’intervento di messa a norma su tutto il Comune della segnaletica. L’assessore alla sicurezza Antonio Strambini e il comandante della polizia municipale, Vincenzo Esposito, spiegano che l’operazione affidata a una ditta di Mantova, è costata 30 mila euro. «Così però abbiamo soddisfatto le richieste avanzate da ben 273 cittadini con petizioni, esposti e reclami», sottolineano assessore e comandante. L’intervento ha ripristinato tre impianti a segnali luminosi, corretto anomalie alla segnaletica orizzontale e verticale in un’ottantina di località, per la prima volta ha tracciato gli stalli sulle controstrade ai bordi della centralissima via Primo Maggio, a Santa Maria. Posati inoltre rallentatori del traffico in via Ruzzotto, nuovi dissuasori di sosta, tracciata la segnaletica che mancava del tutto nelle vie Turrini, Comboni, Giovanni XXIII e neuartiere Palladio. Altri interventi hanno riguardato le vie Paolo Veronese, Meucci, Bettili, le località Roversola e Ca’ dell’Ora. «La segnaletica mancante in toto o in parte, poneva svariati problemi di sicurezza e rendeva più facili i parcheggi selvaggi, che talvolta ostacolavano i l passaggi ai mezzi della nettezza urbana», continuano l’assessore Strambini e il comandante Esposito. «Impediva poi ai vigili di multare i trasgressori causa, appunto, l’assenza di segnali». Il riordino è stato accompagnato da una serie di ordinanze per chiarire il da farsi a fronte delle novità. Spicca quella sull’obbligo per i proprietari di Tir di non parcheggiare in centro abitato, ma sull’ampio stallo video sorvegliato accanto al cimitero del capoluogo. Ciò per liberare spazi in favore degli stalli auto, ridurre la rumorosità da grossi motori tra le case e lo smog prodotto dai bisonti della strada. Novità assoluta in paese è lo specchio parabolico anticondensa installato all’incrocio tra Ca’ dell’Ora Alta e Via Riccadonna, costo mille euro. «Speriamo che i vandali non lo rompano, perché bilancio e burocrazia non consentono sostituzioni veloci», osserva Strambini, costernato per le ricorrenti rotture ai danni del patrimonio comunale, in particolare a giostrine e panchine degli spazi verdi tra i quartieri. Per evitare questo ricorrente malcostume con presunti responsabili gruppi di adolescenti, l’amministrazione comunale intende incrementare la videosorveglianza. •

P.T.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1