CHIUDI
CHIUDI

07.01.2020

Il «Medio Adige» compie 35 anni e si merita una targa

I volontari della protezione civile Medio Adige premiati
I volontari della protezione civile Medio Adige premiati

Per i 35 anni di attività, l’amministrazione comunale di Zevio ha conferito una targa di ringraziamento al gruppo di protezione civile Medio Adige dell’Ana. La cerimonia di consegna, all’inizio dell’ultimo Consiglio, è avvenuta davanti a una nutrita rappresentanza delle tute gialle, sempre in prima linea in caso di necessità. Il sindaco Diego Ruzza ha lodato l’impegno del gruppo «sempre pronto, con grande disponibilità, a intervenire in qualsiasi circostanza. La nostra gratitudine per lo straordinario impegno del Medio Adige è quindi davvero sentita», ha detto. Il capogruppo Roberto Favia ha ricordato che a Zevio la protezione civile mise radici nel 1984, che in sala erano presenti alcuni fondatori e che nelle file del Medio Adige sono transitati quasi 400 volontari. Favia ha annunciato che quest’anno anno lascerà ad altri il ruolo di coordinatore della squadra. Il Medio Adige raccoglie una trentina di iscritti di tre Comuni: Zevio, Lavagno e Palù. Oltre a diffondere la cultura della protezione civile nelle scuole, la squadra è intervenuta in più scenari emergenziali: frana in Valtellina del 1986, alluvione ad Asti del 1994 e in Versilia del 1996. Terremoti in Umbria (1997), Molise (2007), Abruzzo (2009), Emilia (2012). Durante l’emergenza nel 2000 causata dal fiume Po, per le piene dell’Adige del 2000 e del 2003, in Albania per la missione Arcobaleno del 2001, a Lavagno per l’alluvione 2013. Il gruppo possiede un Fiat Ducato 9 posti e un fuoristrada per trasporto materiali, idrovora da 2.500 litri al minuto, altre pompe, motoseghe, decespugliatori. •

P.T.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie