CHIUDI
CHIUDI

16.08.2019

Un corto circuito
al mezzo: fiamme
nel capannone

Gravi danni ai mezzi della Protezione civile e antincendio boschivo di Tregnago dall’incendio scoppiato nel capannone che ospita tutta l’attrezzatura. I vigili del fuco di Caldiero sono intervenuti alle 6.30 di questa mattina allertati dalla telefonata di un residente che ha sentito un forte boato e visto uscire del fumo dalla serranda del capannone, un vecchio deposito militare, utilizzato in passato dal Corpo forestale dello Stato e oggi in prossimità di passare di proprietà dal Demanio al Comune.

 

Da quanto hanno potuto verificare i vigili del fuoco, che hanno lavorato fino alle 8 per spegnere l’incendio, tutto è partito da un corto circuito di un Land Rover Defender parcheggiato all’interno della struttura (VIDEO), propagatosi poi al mezzo vicino, un Nissan pickup attrezzato con pompe e naspi e che il fuoco ha messo in moto, sbalzandolo tre metri più avanti contro la serranda. I cinque uomini del turno B di Caldiero diretti dal caposquadra Andrea Zampieri sono riusciti a scardinare il portone e a spegnere le fiamme in appena cinque minuti.

 

Tutto il resto del tempo è stato necessario per liberare i locali dal fumo con l’aiuto di un motoventilatore e controllare che dei focolai d’incendio non si innescassero propagandosi agli altri mezzi e attrezzature custoditi nella sede (FOTOGALLERY). Sul posto c’erano il presidente della Protezione civile tregnaghese Paolo Guzzo e il sindaco Simone Santellani con l’assessore Daniela Vicentini e il consigliere Giovanni Bonamini. Impossibile per il momento un calcolo anche approssimativo dei danni, che saranno più chiari nei prossimi giorni quando i volontari si rimetteranno al lavoro per la pulizia, il recupero e il ripristino. La squadra rimane operativa, ma solo con i propri uomini e i flabelli, ed è già stata data comunicazione al centro operativo regionale antincendi boschivi e alla Provincia.

Vittorio Zambaldo
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1