CHIUDI
CHIUDI

19.02.2020

Confartigianato, si volta pagina Iraci Sareri punta alla riscossa

Da sinistra Barbin,  Tirapelle, Geroli,  Iraci Sareri, Confente e Merletti durante la premiazione
Da sinistra Barbin, Tirapelle, Geroli, Iraci Sareri, Confente e Merletti durante la premiazione

Dal comprensorio dove è cresciuto, Roberto Iraci Sareri, nuovo presidente di Confartigianato Verona, suona la carica degli artigiani veronesi. Tre le direttrici di azione del suo mandato, e cioè formazione, comunicazione ed ascolto. C'era tutto l'Est veronese sabato sera ad Illasi alla Festa dell'artigiano che mai come quest'anno ha segnato la ripartenza dell'associazione di categoria che proprio ad Est ha trovato la sua nuova guida: Iraci Sareri, infatti, per vent'anni è stato il capitano di quello che fino a poco tempo fa si chiamava «mandamento» e che oggi, da comprensorio, ha scelto come sua nuova guida Paride Geroli, calzolaio di San Bonifacio che da oltre vent'anni è impegnato attivamente in associazione. Una ripartenza, dunque, benedetta dagli artigiani del comprensorio più vasto della provincia, dai sindaci del territorio ma anche da Giorgio Merletti, presidente nazionale di Confartigianato, che per la terza volta ha voluto essere presente. Suo il messaggio culturalmente più forte guardando alla categoria e ai tempi che corrono perchè, come ha detto, «quella artigiana è per definizione impresa sostenibile visto che ciò che crea non è un prodotto usa e getta». Poi l'affondo rivolto al Governo, «che non ci ascolta e data la situazione non è esclusa una mobilitazone». «Patente a punti per la sicurezza sul lavoro e salario minimo», ha proseguito, «sono i due obiettivi di chi ci governa ma non ci si rende conto che se la prima questione appare più una manovra finanziaria, la seconda non permette la contrattazione». «Il Presidente del Consiglio da tre mesi ci prende in giro», l'accusa di Merletti. Poi, a chi gli chiede cosa ne pensi di una fuga dall'Europa, invita alla cautela: «Starei attento, non esiste che l'Italia su 48 miliardi sia riuscita a spenderne solo 13. Bisogna capire perchè alcune regioni siano riuscite a farlo mentre altre no». L'annuale Festa dell'artigiano ospitata ad Illasi è stata l'occasione per festeggiare traguardi aziendali delle imprese artigiane di Augusto Barbin e Giovanni Confente, oltre che per attribuire un riconoscimento a Livio Tirapelle per il lavoro portato avanti nel direttivo uscente e per sostenere l'Associazione bambini autistici Lessinia. L'Abal è infatti l'associazione alla quale gli artigiani hanno scelto di devolvere quanto raccolto nel corso della serata che è stata accompagnata dalla musica dal vivo della band «Dieci + group», nata all'interno della Onlus «Il paese di Alice», un’associazione che lo scorso anno ha potuto portare avanti l'attività con la musica proprio grazie alla sensibilità e al sostegno garantito dagli artigiani dell'Est veronese. •

Paola Dalli Cani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie