CHIUDI
CHIUDI

09.04.2020

Luci nella notte
in Val d'Alpone
per stare meno soli

Decine di luci accese nella notte per sentirsi uniti, seppur distanti, pure tra una sponda e l'altra del torrente Alpone: è il flash mob luminoso che da un paio di settimane, tutte le sere alle 21, accende la valle a San Giovanni Ilarione. Dai primi vicini di casa che si sono inventati questa manifestazione si è passati a decine e decine di nuclei familiari che nei diversi quartieri e lungo tante strade hanno esteso praticamente in tutto il paese i cinque minuti delle luci: tanto dura il flash mob con cui, con la torcia del cellulare, "dialogano" tra loro gli ilarionesi che abitano ai Bertini con quelli di via Risorgimento, quelli di via Giuseppe Verdi con quelli di via Prandi fino a località Cereghini, via Pietro Niselli e la salita Santa Caterina.

 

«Tutti sul balcone in segno di speranza e di ringraziamento al personale medico», spiegano, «ma anche per sentirsi un po' meno soli per cinque minuti». La parte del leone, spesso, la fa Dj Squalo, veterano dei dischi e dei piatti, che per il flash mob da casa sua rispolvera fari da discoteca. Si accendono le luci, sempre più spesso colorate, e si "chiacchera" lanciando grida che raccolgono saluti gridati e si gonfiano con l'eco. Tutto per sentirsi comunque vicini, distanti ma uniti e ribadire una volta di più che #andratuttobene.

Paola Dalli Cani
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie