In località Mangano a San Giovanni Ilarione

Spara in aria e si dà alla fuga: preso dopo una caccia all'uomo durata ore

Caccia all'uomo a San Giovanni Ilarione (Dalli Cani)

Aggiornamento ore 16

È stato preso il sessantenne che da questa mattina aveva impegnato in una lunga caccia all'uomo i carabinieri, dopo che aveva sparato alcuni colpi di arma da fuoco nei prossimi della propria casa a San Giovanni Ilarione, facendo fuggire terrorizzate moglie e figlia. 

L'uomo attorno alle 16 ha fatto rientro verso casa, pistola in pugno: i carabinieri gliel'hanno fatta gettare a terra e l'hanno preso in consegna. Il sessantenne è stato poi fatto salire in ambulanza.

 

San Giovanni Ilarione, la cattura (video Dienne)

 

Aggiornamento ore 15

L'uomo non avrebbe sparato verso la moglie, ma avrebbe comunque esploso un colpo di arma nei pressi della casa (in aria, stando a quanto riportato dai carabinieri).

Proseguono le ricerche dell'uomo nei boschi attorno all'abitazione. La squadra operativa di supporto del battaglione di Mestre ha perlustrato. Ad alcuni residenti di via Alpone, sulla quale è stata conclusa la bonifica, è stato concesso di rientrare in casa.

Coordina l'intervento il colonnello Fabrizio Cassatella, che guida il nucleo operativo dei carabinieri di Verona. con lui il capitano Gianluca Sanzò, comandante della compagnia di San Bonifacio e i carabinieri della stazione di San Giovanni Ilarione, guidata dal maresciallo Luciana Pignataro. Sul posto anche la polizia locale di San Giovanni Ilarione, comandata da Piero Luigi Corrà.

 

___

Ore 11.30

È in corso una caccia all'uomo a San Giovanni Ilarione, in località Mangano, dove un residente - un pensionato sulla sessantina - avrebbe sparato in direzione della moglie, senza colpirla, con un'arma da fuoco per poi fuggire nelle colline circostanti.

La donna pur non essendo stata colpita, è sotto choc ed  è stata portata in ospedale in ambulanza per accertamenti medici. Bisognosa di cure anche la figlia che si sarebbe ferita a una mano cercando di scappare. La coppia, secondo alcune indiscrezioni, si sarebbe da poco separata ma i due avrebbe mantenuto rapporti civili fino ad oggi, tanto che ex moglie e figlia - questa mattina - lo avrebbero raggiunto nell'abitazione di Mangano allarmate da una sua precisa richiesta di aiuto. Pare che l'uomo soffrisse di alcune manie di persecuzione.

I carabinieri sono giunti sul luogo con cinque mezzi e con il giubbotto anti proiettile ed è stato chiuso qualsiasi tipo di transito tra strada provinciale 17 e il ponte Mangano. Nella frazione anche la polizia locale e il sindaco Luciano Marcazzan.

Sul ponte Mangano è ora presente un negoziatore dei carabinieri che cerca di stabilire un contatto con il fuggitivo. I militari hanno intanto invitato l'uomo più volte, con l'uso di un megafono, ad arrendersi, ma quest'ultimo continuerebbe a spostarsi da una zona all'altra della frazione.  

 

 

Paola Dalli Cani