CHIUDI
CHIUDI

09.02.2020

Grazie alla lottizzazione arriva l’area per i cani

La nuova area per i cani a Soave FOTO PECORA
La nuova area per i cani a Soave FOTO PECORA

È stata inaugurata ieri mattina l’area per lo sgambamento dei cani, appena realizzata lungo la circonvallazione Aldo Moro, all’altezza della rotatoria tra via Risorgimento e la strada per San Vittore. Si tratta di un parco urbano nuovo di zecca che è facilmente accessibile da chi porta a passeggio il proprio cane, trovandosi davanti all’attraversamento pedonale che conclude la pista ciclopedonale, lungo la circonvallazione esterna alla cinta muraria. L’area è chiusa da un cancello: presenta alberi di recente posa, è dotata di vialetti pedonali con fondo realizzato in autobloccanti, di panchine, di cestini porta rifiuti e porta deiezioni canine ed è illuminata da lampioncini. «Si tratta di un’area pubblica, che è stata ceduta al Comune come area verde nel contesto del piano di lottizzazione Bettili», spiega il sindaco Gaetano Tebaldi, «l’abbiamo appena adeguata e dotata di sottoservizi e alberature ed è facilmente raggiungibile a piedi, pur trovandosi al limitare del centro abitato». «Si tratta di una zona dunque idonea per questo servizio, chiesto da sempre più soavesi proprietari di cani», aggiunge Tebaldi, «la scorsa estate avevamo già provveduto ad approvare in Consiglio comunale l’apposito regolamento e ora abbiamo realizzato questo parco urbano, dove possono entrare i cani, mai i proprietari degli animali devono tenerlo pulito». All’interno dell’area i cani possono essere lasciati liberi di circolare senza guinzaglio, purché restino sotto controllo del loro conduttore. In caso insorgessero problemi comportamentali da parte degli amici nei confronti degli altri loro simili o di persone, i conduttori dovranno essere dotati di sistemi di sicurezza, quali museruola e guinzaglio. Il regolamento prescrive che è vietata la somministrazione di cibi ai cani all’interno dell’area pubblica riservata allo sgambamento. È obbligatorio raccogliere le deiezioni lasciate dai propri cani e gettarle negli appositi cestini. È vietato l’accesso all’area ai cani affetti da patologie contagiose, alle femmine in calore, ai cani che hanno già morso e che sono stati inseriti nell’elenco 2009, che comprende i cani aggressivi. Il regolamento si può trovare sul sito istituzionale del Comune. •

Zeno Martini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie