CHIUDI
CHIUDI

15.10.2019

Morto l'operaio
investito in bici
Lascia quattro figli

Settanta ore di agonia e purtroppo non c’è stato nulla da fare: si è spento ieri, infatti, nel primissimo pomeriggio, El Houcine Ait Sellam, l’operaio di 57 anni travolto venerdì pomeriggio da un’auto in via Don Giuseppe Ambrosini, a San Bonifacio.

L’uomo, che con la famiglia viveva in un appartamento a poca distanza dal luogo dell’incidente, era uscito di casa per andare al supermercato quando, attorno alle 16, era stato travolto da una Citroen C2, condotta da una giovane, che proveniva dalla strada regionale 11.

Ait Sellam era arrivato in Italia nel 1983, assieme alla moglie e al primo dei suoi figli: gli altri tre sono nati tutti nel reparto di Maternità del dismesso ospedale di Soave. «Da anni lavorava da Pedrollo, era stato uno dei suoi primissimi operai stranieri e anche in ditta gli volevano bene. Ieri (domenica, ndr) il signor Silvano Pedrollo era venuto in ospedale per accertarsi personalmente delle sue condizioni di salute ed è stata una vicinanza che ci ha davvero scaldato il cuore», racconta un'amica di famiglia.

 

Paola Dalli Cani
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1