CHIUDI
CHIUDI

18.08.2019

Medico in pensione
Quasi 500 pazienti
devono «emigrare»

Un medico di base
Un medico di base

 Il medico di base va in pensione e gli assistiti cambiano paese: succede ai 426 pazienti che fino a luglio, a San Bonifacio, erano seguiti dal dottor Loris Mohorovicich.

Tutti gli altri camici bianchi in servizio nella cittadina possono solo accettare familiari di assistiti essendo già massimalisti e dunque, andate a vuoto le ricerche di sostituti, l’unica soluzione possibile è il dirottamento su due medici di Soave e di Cazzano di Tramigna che mettono complessivamente a disposizione 467 posti.

«Il dottore aveva informato sei mesi prima tanto noi che l’Ulss. Possibile che non ci sia stato il tempo per risolvere sul nascere il problema?», lamentano i pazienti.

«La ricerca sta continuando», fa sapere l’Ulss, «e se ci sarà una disponibilità il servizio convenzioni sarà certamente pronto a conferire l’incarico».

Paola Dalli Cani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1