CHIUDI
CHIUDI

07.03.2020

La «Charta» di chi lavora nel sociale

Con la «Charta» ogni cittadino, anche attraverso le associazioni alle quali appartiene, diventa protagonista attivo del sociale: si chiama così l'accordo che il Comune di San Bonifacio ha confermato anche per il prossimo quinquennio con la Fondazione Città della speranza. E per sottolineare ancora di più questo aspetto, cioè come il testimone raccolto dall’istituzione si trasferisca poi anche al mondo dell’associazionismo, alla firma del sodalizio sono intervenute tutte le associazioni che a San Bonifacio si occupano ad ampio spettro del sociale. Così ha voluto l’assessore Annamaria Sterchele che ha così condiviso l'iniziativa portata avanti dalla vice sindaco Cristina Zorzanello e che è stata formalizzata dal sindaco Giampaolo Provoli. È sua la firma con la quale, davanti agli occhi di Marco Sudiro (presidente della Fondazione) San Bonifacio si impegna per altri cinque anni a promuovere iniziative finalizzate alla diffusione di una nuova cultura del sociale. In sostanza l'obiettivo è di far diventare sistema l'esperienza che dal 1994, anno di nascita della Fondazione Città della speranza, ha permesso di realizzare nuovi reparti di degenza, day hospital e laboratori all'oncoematologia pediatrica della Clinica pediatrica di Padova. La «Charta» è sostanzialmente un codice deontologico che impegna i Comuni sottoscrittori a promuovere iniziative finalizzate alla diffusione della cultura del servizio come dovere di ogni cittadino, a partire da progetti mirati con le scuole, a concedere spazi gratuiti per le giornate di raccolte fondi a sostegno delle associazioni del territorio ma vigilando anche su operatività e bilanci, promuovere iniziative per la promozione dell'intervento sociale diffuso, quello cioè che a partire dal Comune passa anche dall'attivazione dei cittadini che si rendano disponibili. Prossimo step concreto l'attivazione di tavoli settoriali con le associazioni a seconda del loro attività. •

P.D.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie