CHIUDI
CHIUDI

16.01.2020

Presepe e addobbi? Lo fanno tutti insieme i bimbi di diverse religioni

Sono 147 i bambini e le bambine, di cui una trentina gli stranieri anche di altre religioni, della scuola statale dell’infanzia “Antonio Bortolani”, che hanno raccolto con entusiasmo la proposta e dato vita a presepe e albero di Natale, creando con fantasia, ironia e semplicità personaggi, animali, case e borghi, oppure gli addobbi dell’albero se qualcuno, anche italiano, non ha voluto coinvolgersi nella proposta religiosa del presepe.

 

«Non c’è stato nessun problema a proporlo e tutti hanno accolto con entusiasmo l’idea», spiega Elisabetta Malacchini, che è coordinatrice delle 14 insegnanti che lavorano nella struttura, mostrando il castello di Erode costruito da un bambino di religione musulmana e dalla sua famiglia, con le caratteristiche merlature delle città mediorientali e il minareto al posto della torre. Il progetto di inclusione, sviluppato su suggerimento di Regione e Comune, con l’appoggio di Alvise Mattei, dirigente dell’istituto comprensivo di Tregnago-Badia Calavena, a cui la scuola statale appartiene, è andato oltre le attese delle stesse insegnanti.

Sono stati utilizzati rotoli di carta, sassi, cartone, fogli di alluminio, pasta alimentare, popcorn, contenitori per le uova bottigliette dei succhi e degli yogurt e quanto di più la fantasia suggeriva per costruire i personaggi della sacra rappresentazione, i pastori e gli angeli e gli animali con il contesto in cui la scena si svolge. Lo si potrà visitare ancora per una decina di giorni negli orari di entrata e di uscita dei bambini (8-9 e 15.30-16).

Vittorio Zambaldo
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie