CHIUDI
CHIUDI

12.08.2020 Tags: Val D'Illasi

Operazione asfalto su 20 strade Il Comune investe per due anni

Strada di San Giovanni Ilarione, parte l’operazione nuovi asfalti
Strada di San Giovanni Ilarione, parte l’operazione nuovi asfalti

Quasi mezzo milione in due anni per rifare l’asfalto di 20 strade di San Giovanni Ilarione: è la priorità che si è data la Giunta del sindaco Luciano Marcazzan che, dopo il censimento della viabilità del territorio comunale, ha stilato un elenco di inteventi. Se metter mano a tutte e 35 le strade ilarionesi comporterebbe una spesa di circa un milione, la Giunta ha deciso di destinare alle riasfaltature 170 mila euro per il 2020 (20 mila euro sono di contributi) e 300 mila per il 2021. Le strade che saranno oggetto di intervento quest’anno sono la Mella-Bacchi, la sistemazione del restringimento di carreggiata della strada in località Luvi, la strada Cengiatti e la strada di contrada Faegolo e, ancora, la strada Todeschi, il piazzale tra Alpomec e Relaxshoe in viale del Lavoro ed il tratto della strada Bacchi fino al confine. Il prossimo anno, con una spesa quasi raddoppiata che viene coperta da un mutuo, toccherà a Scandolaro-Vignaga, Rebeli, Belloca-acquedotto, Colombara-Cerina, Leasi-Zamicheli al Cengio, Prandi-Tessari, Leasi-Rossetti-Vieno, Colombara-Leasi, Guarato-Lore, Coltrini-Miatti-Busa, Fusa-Castello, Cattignano-Belloca, Donai-Belloca. Stando al calendario dell’Ufficio, per quanto riguarda il primo gruppo si partirà dalla Mella-Bacchi, poi la Bacchi-confine ed il piazzale in zona industriale, mentre del secondo gruppo fa parte la Cattignano-Belloca. «Per sistemare adeguatamente tutte le strade ci vorrebbe più di un milione e per metterle tutte in pari cinque o sei anni di lavori. Con questi investimenti», spiega Marcazzan, «contiamo di recuperare molto. Quest’anno impiegheremo i 70 mila euro del fondo del ministero dell’Interno a cui aggiungeremo pari stanziamento, nel 2021, anticipabile. Con questi interventi ordinari annuali, la manutenzione dei tanti chilometri di strade comunali che abbiamo, dovrebbero tornare gestibili. Il motivo di questa scelta», spiega Marcazzan, che ha inserito le asfaltature nella programmazione dei lavori pubblici, «sta anche nell’esigenza di creare le condizioni necessarie per valorizzare tutto il patrimonio ambientale che caratterizza il nostro territorio: possiamo riuscirci solo creando l’infrastruttura fondamentale, cioè una viabilità adeguata per percorrerlo». Nel piano delle opere pubbliche è stato inoltre inserito il rifacimento della pubblica illuminazione: ai 50 mila euro per il 2020 ne sono stati aggiunti altri 250 mila euro, avuto con mutuo, per operare nel 2021. •

Paola Dalli Cani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie