Malati di Parkinson e sportelli sociali, i servizi in Comune

Sportello sociale, sportello famiglia, sportello donna, laboratorio della memoria, centro di riattivazione motoria per persone affette da Parkinson e Punto giovani (sportello informa giovani). Sono questi i servizi che l’assessorato alle politiche sociali del Comune di Soave ha attivato negli ultimi dieci mesi. Servizi assenti in paese e in taluni casi, come quello del centro Parkinson, rivolti anche ai Comuni del circondario. L’ultimo in ordine di attivazione è lo sportello Donna e famiglia gestito dall’associazione Anteas. Si tratta di un’attività solo su appuntamento (340.3323 336, e – mail info@puntofamigliavr.it) a favore di problematiche familiari e per prevenire atti di violenza contro le donne nell’ambito domestico. «Si tratta di sportelli e servizi gratuiti a favore della cittadinanza», avverte il consigliere comunale delegato alle politiche sociali Angelo Dalli Cani, «che ancora molti non conoscono. Così l’amministrazione comunale ha pensato di riassumere in una locandina le attività, la tipologia, i riferimenti e i dettagli logistici, per facilitare la conoscenza è l’utilizzo di queste opportunità». Le locandine sono state affisse sul territorio, negli uffici comunali e negli esercizi pubblici. Tali sportelli gratuiti assolvono ad un sacco di pratiche ed affrontano varie problematiche: si va dal disbrigo delle questioni sanitarie agli interessi dei giovani, dall’aiuto a chi vive alcune patologie come malattia di Parkinson ed Alzheimer ai prelievi di sangue per le analisi, dalla ricerca di colf e badanti al sostegno psicologico. «Il tutto è finalizzato a sostenere le famiglie, a favorire la domiciliarità per gli anziani, a coinvolgere i giovani e ad aumentate la qualità della vita dei soavesi in genere», conclude Dalli Cani. Per avere altre indicazioni, basta rivolgersi all’ufficio servizi sociali in municipio allo 045.4970750 (interno 4), oppure scrivendo alla e mail sociale@comunesoave.it. •. Z.M.