Indagano i carabinieri

Giovane di Nogara
sparito da 10 giorni
Ricerche in corso

Sono in corso le ricerche di carabinieri e pompieri (Pecora)
Sono in corso le ricerche di carabinieri e pompieri (Pecora)

È mistero sulla scomparsa di F.M, 33 anni di Nogara ma da tempo domiciliato in un altro Comune. L’auto del giovane è stata trovata 10 giorni fa nelle campagne di San Martino Buon Albergo ma da allora, non c’erano tracce del proprietario.

 

I carabinieri hanno contattato la famiglia del Nogarese che ha riferito di non avere notizie del congiunto da alcuni giorni. È stato poi il padre a presentare la denuncia di scomparsa sabato quando si è reso conto che il figlio non dà notizie da troppo tempo. Nelle ore successive al ritrovamento dell’auto, il cellulare di F.M. risultava ancora acceso ma da giorni non dà più segnali.

 

La segnalazione del genitore ai carabinieri di Nogara ha dato il via alle ricerche nell’area del ritrovamento dell’auto e nelle zone dove l’uomo era solito vedersi con gli amici tra Zevio e San Martino Buon Albergo. Le ricerche sono in corso proprio tra i due centri dell’Est e sono svolte dai carabinieri insieme ai vigili del fuoco di Verona e Caldiero e i volontari della Protezione civile.

 

Nel frattempo, i militari hanno sentito anche alcune conoscenze del giovane senza tuttavia avere alcuno spunto utile al suo ritrovamento. Il mistero si infittisce ulteriormente anche perché il luogo del ritrovamento dell’auto, lasciata aperta e abbandonata in una stradina di campagna, è difficilmente accessibile. Dall’esame delle celle telefoniche e delle ultime chiamate effettuate potrebbero tuttavia emergere alcuni elementi che potrebbero far luce su dove possa essere finito F.M. In particolare, si cerca chi ha incontrato il 33enne nelle ore precedenti alla sua scomparsa che risale almeno al 30 luglio, giorno del ritrovamento dell’auto.

 

Pochi a Nogara sono a conoscenza della misteriosa sparizione del giovane anche perché da tempo il disoccupato non frequentava il paese se non per far visita ai genitori o a qualche amico. Tre le piste prese in considerazione ci sono l’allontanamento volontario per problemi personali ma anche qualche questione legata alle frequentazioni del giovane. La famiglia per il momento mantiene il più stretto riserbo, sta vivendo ore di ansia nella speranza che l’uomo faccia arrivare qualche notizia sulle sue condizioni di salute.

 

Pare che prima di far perdere le sue tracce, il giovane abbia litigato con un famigliare per questioni economiche. È emerso, infine, che il giovane era solito allontanarsi per qualche giorno senza dare notizie per poi rifarsi vivo con i famigliari. Questa volta, però, la sua assenza inizia a farsi preoccupante e le ricerche continuano. •

Riccardo Mirandola