Croce rossa nel Covid-19 I volontari straordinari

L’assegno donato dalle cantine Inama con vendita vini DIENNEFOTO
L’assegno donato dalle cantine Inama con vendita vini DIENNEFOTO

Quasi 2.500 ore di servizio gratuito, 1263 interventi di soccorso per complessivi 41.182 chilometri percorsi, 382 volontari impegnati: sono solo alcuni dei numeri che rivelano ciò che è stata l’emergenza Covid-19 per il Comitato Est veronese della Croce rossa italiana. Il gruppo di volontari, con sede a San Bonifacio, è da sempre punto di riferimento per questa parte di provincia e in questo frangente si è rivelato cruciale ad integrazione dell’enorme lavoro degli operatori sanitari all’ospedale «Fracastoro» di San Bonifacio, di quelli dell’Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona e anche a supporto dell’Ulss 9 e di alcuni dei Comuni dell’Est. Basta un dato a far capire quale sia stato l’impatto di un’emergenza che ha persino declassato l’alluvione di 10 anni fa, fino a febbraio ritenuta l’esperienza più impegnativa dei volontari: è di oltre 20 mila euro la spesa sostenuta per acquistare dispositivi di protezione individuale laddove questa voce, ogni anno, era di mille euro. «Tutto è cominciato a fine febbraio con i 19 turni per il controllo della temperatura dei passeggeri in transito dall’aeroporto “Catullo” di Verona: 8 volontari impegnati per complessive 114 ore», spiega il presidente Riccardo Regazzin. Dopo di allora, l’esplosione dell’emergenza che ha costretto immediatamente ad aumentare da 8 a 9 l’organico: «In ambito sanitario abbiamo coperto 140 turni, con 216 tra volontari e dipendenti per 1125 ore di servizio complessive», spiega Regazzin. La differenza l’hanno fatta loro, i volontari, che non si sono tirati indietro sebbene l’impegno in una pandemia rappresentasse un oggettivo rischio per la propria incolumità. Lo hanno fatto mettendo a disposizione l’ambulanza infermierizzata 24 ore su 24 al «Fracastoro», oltre a quelle presenti a Tregnago e San Giovanni Ilarione la notte e nei fine settimana. Ad integrare il parco mezzi, anche l’automedica con servizio di 12 ore a San Bonifacio, una ambulanza da trasporto disponibile per l’Ulss 9 sette ore al giorno dal lunedì al venerdì ed una da trasporto per l’Aoui di Verona, due volte al mese. Di emergenza in emergenza, l’impegno dei volontari si è poi spostato sulle case di riposo: «A Mezzane e San Bonifacio, con i volontari del Corpo militare della Croce rossa italiana e del Corpo infermiere volontarie Cri della provincia, sono stati coperti 46 turni con 32 volontari per 276 ore di servizio», aggiunge Regazzin. In mezzo, tantissimi altri servizi: consegna spese o farmaci, 420, e che proseguono per chi è in isolamento domiciliare, con l’impiego di 55 volontari per 245 ore di servizio e tre mezzi che hanno percorso 1500 chilometri. Quaranta volte i volontari sono usciti per recuperare carrelli solidali che, con gli aiuti passati dalla sede di via Tombole aperta per 650 ore, si sono tradotti in oltre 3 tonnellate di generi alimentari. Sono sempre le «divise rosse» quelle che si incontrano all’ingresso del distretto di Montecchia di Crosara o del Consiglio comunale di San Bonifacio o, in due occasioni, al mercato settimanale per la misurazione della febbre, per i tamponi drive-in al Palaferroli o per l’indagine sierologica della Regione e quella sulla sieroprevalenza del ministero della Salute. «È stato un enorme sforzo corale», dice Regazzin, «che non è ancora finito. Dietro l’angolo c’è l’emergenza sociale ed economica che ci ha già visti triplicare il nostro impegno a supporto delle famiglie anche a fianco di Auser e Centro aiuto vita. Non so se abbiamo fatto la differenza: nel momento del bisogno ci siamo stati, per onorare la nostra divisa». •

Paola Dalli Cani

La posta della Olga