Confimpresa Italia spiega come usare il superbonus 110

Dopo il successo del primo progetto denominato «Welfare aziendale», che ha visto coinvolte un centinaio tra imprese e imprenditori con la collaborazione del professionista Riccardo Zanon, avvocato e consulente del lavoro, sta per partirne uno nuovo, «Ripartiamo insieme… col superbonus al 110 per cento», promosso da ConfimpresaItalia di Verona, che ha sede in via Ruffo ad Arcole. Il superbonus 110 per cento è la misura pensata dal Governo Conte, all’indomani della fine del lockdown, per riqualificare il patrimonio immobiliare italiano. Molti gli interventi previsti nel provvedimento: dal cappotto termico degli edifici alla sostituzione delle caldaie condominiali e domestiche, dagli impianti fotovoltaici alle colonnine per la ricarica di veicoli elettrici e tanti altri. «L’idea è quella di fare rete, creando una squadra e coinvolgendo imprese e professionisti che lavorano nell’edilizia», spiega il presidente di ConfimpresaItalia di Verona, Mauro Zocca, «in modo da ottimizzare al meglio un’opportunità probabilmente unica, dando un servizio di qualità ai cittadini». Il progetto prevede una prima fase di incontri per spiegare in che cosa consista il superbonus relativo alla riqualificazione delle abitazioni, «magari senza far anticipare un euro al consumatore», sottolinea Zocca, «ricavandone un bene sia per l’ambiente che sulle bollette». La seconda fase del progetto invece punterà a creare una squadra di qualità, composta da professionisti, che analizzino e progettino gli interventi, da imprese che eseguano i lavori e da fondi disponibili ad acquisire i crediti del superbonus 110. ConfimpresaItalia è la Confederazione Italiana delle imprese, delle attività professionali e del lavoro autonomo. È un’associazione sindacale datoriale di rilevanza nazionale, riconosciuta dal ministero del Lavoro e delle politiche sociali, presente già in 16 regioni italiane con oltre 80 sedi, aperte pure all’estero, e con più di 8 mila imprese associate. Maggiori informazioni, contattando il presidente Zocca al numero 348.8002733. •

Z.M.