L'avanzamento dell'opera

I lavori fra San Martino e Vago per tangenziale e A4 si concluderanno in anticipo

Imponenti i lavori per la realizzazione della terza corsia della A4 e per l’ampliamento della tangenziale sud FOTOSERVIZIO PECORA
Imponenti i lavori per la realizzazione della terza corsia della A4 e per l’ampliamento della tangenziale sud FOTOSERVIZIO PECORA
Sopralluogo cantiere A4 (video Pecora)

Stanno procedendo alacremente i lavori nel cantiere che interessa la realizzazione della terza corsia sull’Autostrada A4 tra San Martino Buon Albergo-Vago di Lavagno e anche l’ampliamento della tangenziale sud, sempre nel medesimo tratto chiuso al traffico dal 9 dicembre dell’anno scorso.

Con tutta probabilità il cantiere potrà concludersi in due anni invece che nei 28 mesi preventivati. Questo anticipo andrebbe a vantaggio del traffico sulle strade ordinarie dei due Comuni che in questi mesi, per l’impossibilità di accedere e di uscire dalla tangenziale a Vago, è molto congestionato. Che i lavori procedono bene lo hanno constatato nella mattinata di ieri i sindaci di Lavagno, Marco Padovani, e di San Martino Buon Albergo, Franco De Santi che, accompagnati dall’ingegner Ludovico Galante, direttore dei lavori dell’Autostrada Brescia-Padova, hanno potuto visitare il cantiere.

 

Le opere  per   l’ampliamento della tangenziale e della terza corsia dell’A4
Le opere per l’ampliamento della tangenziale e della terza corsia dell’A4

 

Le spiegazioni dell’ingegnere e quanto hanno potuto vedere hanno reso ancora più consci i due primi cittadini dell’entità e della complessità dei lavori che si stanno realizzando e del motivo per cui siano necessari almeno due anni per poterli concludere.

Si lavora, infatti, alla realizzazione della terza corsia dell’A4 senza bloccare il traffico su questa importantissima arteria autostradale. Ma non viene nemmeno interrotto il transito dei treni sulla linea Milano-Venezia che, nel territorio interessato dai lavori, passa anche attraverso un tunnel sotto l’autostrada e la tangenziale sud. Al momento, il traffico autostradale è stato deviato su quella che precedentemente era la parte finale della tangenziale che permetteva di raggiungere la località Vago e da essa immettersi sulla tangenziale stessa. Contemporaneamente alla realizzazione della terza corsia sulla A4, si stanno realizzando anche i lavori preparatori necessari per poter, in velocità, abbattere e ricostruire, più alto e più lungo, il tunnel citato.

La sua demolizione e la sua ricostruzione potranno cominciare alla fine di maggio e proseguire solo di notte quando il traffico ferroviario può essere sfoltito e anche bloccato. Nel progetto iniziale, proprio in concomitanza con la realizzazione di questo tunnel nuovo, si prevedeva di interrompere per un mese la viabilità nel sottopasso autostradale che dalla località Maglio permette di raggiungere la Porcilana. Ora, invece, questa interruzione si potrà limitare a soli due fine settimana, creando così meno disagio.

A proposito del grosso congestionamento della viabilità ordinaria che, a causa dei lavori sta interessando i due Comuni, Elisa De Berti, vice presidente regionale e assessore ai lavori pubblici ed ai trasporti, in un messaggio indirizzato a De Santi scrive: «Insieme ai sindaci del territorio, abbiamo chiesto ad A4, società di gestione della Brescia-Padova, uno studio dei flussi di traffico per cercare di risolvere il problema della viabilità di San Martino Buon Albergo».

Il messaggio riprende la richiesta fatta dai sindaci di consentire il traffico gratuito sul tratto dell’autostrada da Soave a Verona sud nel tentativo di decongestionare un po’ la viabilità ordinaria. «È necessario far tutto il possibile per sollevare il territorio dalle code e dai congestionamenti soprattutto nelle ore di punta. Il cantiere che interessa il Comune è imponente, quindi è bene mettere in campo ogni azione utile a ridurre i disagi per i cittadini», conclude De Berti.•.

Giuseppe Corrà

Suggerimenti