CHIUDI
CHIUDI

18.10.2019

Tumore al seno, il rosa su municipio e fontana

Un medico con un esame al seno
Un medico con un esame al seno

La facciata del palazzo municipale di Caldiero e la fontana al centro dell’aiuola in piazza Olinto Marcolungo si tingeranno di rosa questa sera, in occasione dell’Ottobre Rosa, il mese della prevenzione per la salute della donna e della lotta al cancro alla mammella. Promuovono il gesto simbolico l’assessorato ai servizi sociali del Comune e l’Andos di Verona (Associazione donne operate al seno). Le caldieresi si ritroveranno questa sera alle 21.15 in piazza Marcolungo per assistere all’accensione della fontana e della facciata del municipio che si illumineranno di rosa. Quindi alle 20.30 si sposteranno nell’auditorium comunale, al terzo piano della nuova ala della scuola primaria Carlo Ederle, in piazza Vittorio Veneto, per prendere parte alla conferenza sul tema «Osteoporosi e alimentazione». All’assemblea informativa interverranno il professor Francesco Bertoldo, responsabile del centro Osteoporosi e osteoncologia dell’ospedale universitario di Borgo Roma e la presidente provinciale dell’Andos, Anna Maria Nalini. L’assetto ormonale della menopausa indebolisce lo scheletro, ma ci sono anche altri fattori alla base dell’osteoporosi: prolungati trattamenti con cortisone a dosi elevate, il fumo, l’abuso di alcolici, patologie del metabolismo legate al calcio, malattie renali o delle paratiroidi, piccole ghiandole vicine alla tiroide. POI DOMANI dalle 8.30 alle 12.30, in piazza Marcolungo, in concomitanza del mercato settimanale, verrà allestito un gazebo delle volontarie dell’Andos che raccoglieranno le adesioni per eseguire mammografie ed esami senologici, negli ospedali di città e provincia. Sempre allo stand dell’Andos si potrà ricevere materiale e informazioni sull’attività dal sodalizio a favore delle donne colpite dal cancro alla mammella e per sensibilizzare la popolazione femminile sulla prevenzione e la diagnosi precoce del tumore al seno. «Partecipare a questo incontro di formazione e di sensibilizzazione, come recarsi al gazebo dell’Andos sabato mattina per prenotare lo screening mammografico», evidenzia Laura Stizzoli, assessore ai servizi sociali e alle politiche familiari, «è un primo passo verso la prevenzione e la promozione della salute di noi donne». •

Zeno Martini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1