CHIUDI
CHIUDI

15.01.2020

«Guerra» della piscina coperta Costa troppo: arriverà nel 2022

Il 2020 inizia una notizia positiva per i caldieresi: le tasse restano le stesse dello scorso anno. Il consiglio comunale ha deciso a maggioranza di non aumentare alcuna aliquota delle imposte comunali: addizionale comunale all'Irpef, Tasi ed Imu. Il bilancio di previsione di quest'anno, pareggerà a 6,8 milioni di euro circa. Nell'approvare l'esercizio finanziario di quest'anno e il documento unico di programmazione, il Consiglio ha previsto di investire 1 milione di euro dell'avanzo di amministrazione, per realizzare nel 2022 la piscina coperta sopra la vasca Olimpionica. In due anni, quello in corso e il 2021, ci sono spiragli per trovare finanziatori privati, che vogliano investire nello sviluppo termale. Una scelta che non ha trovato d'accordo l'opposizione. «Così facendo, lasciate una eredità pesante alla prossima amministrazione comunale che verrà eletta e che spero non sia ancora la vostra», ha lamentato la capogruppo di minoranza Carmen Tomba, «Ci spaventa la realizzazione della piscina coperta e ci preoccupa. Noi non siamo d'accordo nel fare la piscina coperta alle Terme di Giunone, ma preferiamo venga fatta alla Cittadella dello sport, che peraltro ci sta costando moltissimo. Il precedente consiglio di amministrazione dell'azienda speciale terme, non era molto contento di fare la piscina coperta e adesso capisco perché lo avete fatto fuori», ha sottolineato Tomba. «Non ritengo nemmeno che abbiate accantonato del tutto il project financing delle terme». «Il passato Cda delle terme non si è mai dichiarato contro la copertura della Olimpionica, anzi l'ha sostenuta», ha replicato a Tomba il sindaco Marcello Lovato. «Abbiamo cercato un finanziatore privato per il project financing, ma non abbiamo trovato alcuna soluzione che rispondesse ai requisiti che chiedevamo. Negli ultimi quattro anni, si sono fatti avanti cinque proponenti, ma nessuna delle loro proposte era vantaggiosa per il paese e per il Comune. Così, abbiamo deciso che fino al 2021 cercheremo altri investitori privati e poi procederemo alla costruzione della copertura della Olimpionica autonomamente, come Comune, ma solo nel 2022. Ad oggi, non abbiamo ancora studi di fattibilità che giustifichino come spendere quel milione di euro di avanzo», ha chiarito il sindaco, «perché non abbiamo ancora in mano la progettualità necessaria. Se giungeremo a un progetto di copertura con garanzie andremo avanti, altrimenti ci fermeremo». Poi il sindaco ha promesso: «Tale progettualità verrà portata all'attenzione del Consiglio a tempo debito, quando la proposta sarà economicamente sostenibile. Non è possibile invece realizzare una piscina coperta alla Cittadella dello sport: non è mai stata prevista e non c'è lo spazio». Le consiglieri di opposizione Carmen Tomba e Annalisa Bonomi hanno votato contro il bilancio di previsione. Si sono astenute invece nell'approvare il programma triennale dei lavori pubblici. Per il 2020 è prevista una sola opera pubblica superiore a 100 mila euro: la pista ciclopedonale tra il capoluogo e Caldierino. •

Zeno Martini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie