Ondate di calore

Tutti i pericoli delle alte temperature, il decalogo e i numeri di emergenza dell'Ulss9

Caldo
Caldo
Caldo
Caldo

La colonnina di mercurio resta sopra i 30 gradi e non accenna a scendere. Una condizione climatica estremamente pesante soprattutto per chi soffre di patologie e sulla popolazione fragile e anziana. Così scende in campo l'Ulss 9 scaligera con un piano di interventi per l'emergenza caldo. L'azienda sanitaria locale torna infatti a informare la popolazione sulle misure per la prevenzione del colpo di calore ricordando anche che la Regione Veneto ha istituito un numero verde informativo 800 535 535 (la risposta avviene in tempo reale) per indirizzare gli utenti.

ONDATE DI CALORE. Le ondate di calore (heatwaves) sono condizioni meteorologiche estreme che possono verificarsi durante la stagione estiva, caratterizzate da temperature elevate, al di sopra dei valori usuali, che possono durare giorni o settimane. Queste condizioni diventano particolarmente critiche negli agglomerati urbani per effetto del fenomeno denominato "isola di calore urbano" (urban heat island effect) che è tanto più accentuato quanto maggiore è la dimensione della città.

LE CATEGORIE A RISCHIO. Le persone maggiormente a rischio di incorrere in sintomi legati alle ondate di calore sono gli anziani, i bambini da 0 a 4 anni, le persone non autosufficienti, coloro che soffrono di patologie e/o in terapia farmacologica. Gli effetti del caldo sulla salute vanno da sintomi che non arrivano all’attenzione clinica (ad esempio riduzione delle capacità psico-fisiche, ansia, insonnia), a sintomi di maggiore entità (come ipotensione arteriosa, edemi agli arti inferiori), fino ad effetti più gravi che possono determinare il ricorso al Pronto Soccorso o il ricovero in ospedale, soprattutto per aggravamento di una patologia preesistente. 

 

 

LE DIECI REGOLE:

  1. Evita di uscire nelle ore più calde.
  2. Se ti esponi al sole indossa cappelli; in auto usa tendine parasole.
  3. Indossa abiti di colore chiaro preferibilmente cotone e lino .
  4. Bevi molti liquidi almeno due litri al giorno .
  5. Non assumere integratori salini senza aver prima consultato il medico .
  6. Evita sostanze alcoliche.
  7. Fai pasti leggeri e ripetuti durante la giornata preferendo frutta e verdura.
  8. Rinfresca l’ambiente domestico o di lavoro con ventilatori e/o condizionatori.
  9. Se soffri di patologia ipertensiva continua ad assumere i farmaci.
  10. Bagnati subito il capo con acqua fresca in caso di mal di testa per abbassare la temperatura corporea.

I SINTOMI:

COLPO DI CALORE: ambiente troppo caldo

  • senso di irrequietezza
  • ronzio alle orecchie
  • temperatura corporea > 38 °C
  • mal di testa
  • respiro rapido e polso debole

COLPO DI SOLE esposizione diretta al sole

  • improvviso malessere generale
  • nausea
  • mal di testa
  • sensazione di vertigini
  • perdita di coscienza
  • temperatura corporea 40 °C
  • diminuzione della pressione
  • cute arrossata e secca
  • respiro lento e profondo
  • polso lento 

DISIDRATAZIONE perdita di liquidi 

  • eccesiva sudorazione

 

I VULNERABILI.  Accertati delle condizioni di salute e offri aiuto a parenti, vicini, amici che vivono da soli.

  • Segnala situazioni di persone anziane che non possono provvedere alle proprie necessità;
  • invitali a rivolgersi al proprio medico.

PROTEGGI I BAMBINI

  • Offri spesso al bambino acqua da bere; allatta più frequentemente.
  • Scegli un’alimentazione ricca di frutta e verdura.
  • Controllare la temperatura corporea dei lattanti e dei bambini piccoli.
  • Rinfrescare il corpo con una doccia tiepida.
  • Quando possibile aprire il pannolino
  • Mantenere freschi i locali dove soggiorna il bambino.
  • Non esporre i bambini al sole diretto e usa una crema solare ad alta protezione usa occhiali da sole quando possibile.

 

CHI CONTATTARE E CHI INTERVIENE IN CASO DI EMERGENZA. La Centrale Operativa del 118, la Guardia Medica e i Presidi Ospedalieri provvedono all’attivazione dell’assistenza extra e intraospedaliera in caso di emergenza. I Medici Di Medicina Generale (MMG) provvedono all’attivazione di interventi di assistenza continua nei confronti di soggetti al di sopra dei 75 anni di età e/o con patologie croniche.

I Pediatri Di Libera Scelta provvedono all’attivazione di interventi di assistenza continua nei confronti di neonati e bambini. Chi dovesse avere un problema di salute durante le ore notturne o nei giorni festivi, può chiamare il medico del Servizio di Guardia Medica, ora definita Continuità Assistenziale del territorio di residenza. Il servizio è attivo la sera di tutti i giorni feriali dalle ore 20.00 fino alle ore 8.00 del mattino successivo. Il sabato e la domenica il servizio è attivo dalle 10.00 del sabato, fino alle ore 8.00 del lunedì mattina. Inoltre, in tutte le festività diverse dalla domenica funziona ininterrottamente a partire dalle ore 10.00 del giorno prefestivo, fino alle ore 8.00 del primo giorno non festivo.

questo link trovate tutti i numeri del Servizio di Continuità Assistenziale. La COT - Centro Operativo Territoriale - attivata dai Medici di Medicina Generale, dai Pediatri o dai Servizi Sociali degli enti locali per i pazienti ad alto rischio - verifica la sussistenza di bisogni e attiva le risorse più appropriate in riferimento al caso specifico.

I Servizi Sociali Emergenza/Urgenza e le Amministrazioni Comunali hanno il compito di individuare la popolazione a rischio, prestando particolare attenzione ai soggetti fragili e che vivono in solitudine. A questo link del SISP - Servizio Igiene Sanità Pubblica trovate ulteriori indicazioni, suggerimenti contro le temperature elevate e altri articoli di approfondimento per affrontare l’emergenza caldo con maggiore sicurezza.