I dati

Parlamentari veronesi, ecco chi sono i più presenti in aula

Si tirano le somme. Prima dell’esame. L’esame del popolo sovrano. Quello che vota. Mentre sale la febbre per le elezioni politiche del 25 settembre - oggi si conclude il deposito dei simboli; entro lunedì 22 agosto le liste, della Camera e del Senato - Openpolis, nella sezione Openparlamento, riporta i dati dell’attività politica dei parlamentari. E, per quanto riguarda le presenze in aula, al primo posto tra i 16 parlamentari scaligeri, per presenze, c’è il deputato leghista Roberto Turri, con il 97,45 per cento. Turri risulta, per presenze, essere al sesto posto tra i 630 deputati uscenti, in una classifica che vede al primo posto il romano Marco Bella, deputato del Movimento 5 Stelle.

 

Leggi anche
Elezioni, ora anche gli under 25 possono votare per il Senato. Sono 70.000 nel Veronese


Openpolis, lo ricordiamo, è una fondazione indipendente e senza scopo di lucro che promuove progetti per l’accesso alle informazioni pubbliche, la trasparenza e la partecipazione democratica. Nella tabella  abbiamo estrapolato i dati delle presenze, assenze e missioni dei 12 deputati veronesi uscenti e dei quattro senatori. Ovviamente questi dati non sono gli unici indicatori dell’attività parlamentare (e nella scheda qui a destra citiamo il metodo e le precisazioni di Openpolis). Esiste infatti anche il nuovo “indice di produttività” che prende in esame il numero, la tipologia, il consenso e l’iter degli atti presentati dai parlamentari in modo da poterli confrontare tra di loro. In questo caso però ci limitiamo a presenze, assenze e missioni, tutte calcolate in percentuale, considerando il 100 per cento come il tempo totale di attività. 

 


Tra i deputati scaligeri, come detto, il leghista Turri, dunque, già sindaco di Roncà, nell’Est veronese, è al primo posto per presenze, con il 97,45 per cento e con il 2,55 per cento di assenze, non avendo svolto alcuna missione. Lo stesso, per missioni, Diego Zardini, deputato del Pd, al secondo posto tra i veronesi alla Camera con il 91,54 per cento di presenze e l’8,46 per cento di assenze. Segue, pure tra i deputati, al terzo posto il leghista Paolo Paternoster, con l’85,06 per cento di presenze e con uno 0,84 per cento di attività in missioni. Ciro Maschio, di Fratelli d’Italia, è a quota 76,83 per cento di presenze, al 16,2 di assenze e con l’1,66 per cento di missioni.

 

Leggi anche
Zaia: «Non mi candido. E il centrodestra cambi pelle. Su diritti e sessualità, chi non capisce è fuori dalla storia»


Scorrendo la tabella, la percentuale di missioni degli inquilini di Montecitorio sale al 15,38 per cento con Vania Valbusa, al settimo posto per presenze, e sale ancora con Francesca Businarolo, del Movimento 5 Stelle, al 22,3 e quindi al 33,93 per Alessia Rotta, Pd, con il 33,93 per cento. Il leghista Lorenzo Fontana ha invece la percentuale più alta di missioni, tra i deputati veronesi, con il 37,10, mentre è undicesimo quanto a presenze con il 44,72. È al 33,01 per cento di missioni, Mattia Fantinati, di Insieme per il futuro, con il 33,01, mentre è al 38,74 di presenze. 
Il deputato di Italia Viva Davide Bendinelli, anche sindaco di Garda, ha il 57,37 per cento di presenze e il 42,63 di assenze, quest’ultima la percentuale più alta dei parlamentari scaligeri.
Per quanto riguarda i quattro senatori veronesi, risulta al primo posto il leghista Cristiano Zuliani, anche sindaco di Concamarise, nella Bassa, con il 95,31 per cento di presenze, con l,87 per cento di assenze e il 2,82 per cento di missioni. Sono molto vicini a Zuliani Paolo Tosato, leghista, con il 94,57 di presene ma il 5,21 di missioni, Vincenzo D’Arienzo, del Pd, con il 94,53 per cento di presenze e il 4 di missioni, mentre ha il 70,85 per cento di presenze, l’8,08 di assenze ma il 21,07 per cento di attività extra aula di Palazzo Madama.

Enrico Giardini