Tra sorprese e conferme

Parte la grande corsa: sei candidati sindaco con ventisei liste

All'ufficio anagrafe di Palazzo Barbieri sono state depositate ventisei liste
All'ufficio anagrafe di Palazzo Barbieri sono state depositate ventisei liste
All'ufficio anagrafe di Palazzo Barbieri sono state depositate ventisei liste
All'ufficio anagrafe di Palazzo Barbieri sono state depositate ventisei liste

Sei candidati sindaco, collegati a 26 liste per il Consiglio comunale, composto da 36 membri più il sindaco che verrà eletto. E poi ci sono i candidati per i Consigli delle otto circoscrizioni. Sono questi gli schieramenti che ieri e venerdì hanno depositato, in municipio, le liste con tutti i nominativi per le elezioni amministrative comunali di domenica 12 giugno, con eventuale ballottaggio domenica 26 giugno. Chi risulterà eletto amministrerà il Comune nel mandato quinquennale 2022-2027.

 

LA LISTA COMPLETA DEI CANDIDATI: PRIMA PARTE e SECONDA PARTE

 

 

Sei in corsa I candidati sindaco come detto sono sei: Federico Sboarina, il sindaco uscente, eletto nel 2017, che si ripresenta per la coalizione di centrodestra formata da sei liste: Lista Sboarina sindaco-Battiti, quindi Fratelli d'Italia, Lega, Verona Domani-Coraggio Italia, Veneta Autonomia-Noi con l'Italia e Verona al Centro. Ha sei liste anche il candidato sindaco del centrosinistra Damiano Tommasi, che corre per Damiano Tommasi sindaco, Pd, Traguardi, Azione-Più Europa, Europa Verde-Demos-Volt e In Comune per Verona Sinistra civica ecologista. Ha invece nove liste Flavio Tosi, l'ex sindaco poi consigliere comunale, di nuovo in corsa per fare il sindaco sostenuto da Fare!, Lista Tosi, Ama Verona, Pensionati Veneti, Tosi c'è, Csu Veneta, Prima Verona, Forza Italia, Movimento Difesa Sociale. Ci sono poi altri tre candidati sindaco. Uno è il consigliere comunale uscente del Gruppo misto Alberto Zelger, in corsa con tre liste a suo sostegno: Verona per la Libertà, Zelger Sindaco-Libertà nelle scelte senza discriminazioni e Il Popolo della Famiglia. Hanno invece una sola lista Anna Sautto, in corsa come candidata sindaco del movimento 3V Verità Libertà, e poi Paola Barollo, la candidatura a sindaco dell'ultima ora - sinora a ieri mattina infatti c'erano soltanto gli altri cinque e la sesta lista è arrivata pochi minuti prima del termine ultimo - che corre per la lista Costituzione Verona Libero pensiero.

Leggi anche
Sei i candidati alla corsa di sindaco di Verona: tre sono di area no-green pass

Sfida a sei, dunque, per eleggere il futuro sindaco. E ricordiamo che il sindaco è pure un consigliere comunale, il trentasettesimo. Ma come funzionano le elezioni amministrative comunali? Se al primo turno un candidato sindaco conquista almeno il 50 per cento più un voto, risulterà subito eletto. Nel caso invece nessuno dei candidati riesca a superare quella soglia, al secondo turno, domenica 26 giugno, si confronteranno, appunto, al ballottaggio, i due candidati più votati al primo turno. E vincerà chi riuscirà a conquistare la percentuale più alta. Al ballottaggio è prevista la possibilità di apparentamenti tra liste che al primo turno erano avversarie.

Al momento sono quindi queste le candidature alla carica di sindaco, al Consiglio comunale e alle otto circoscrizioni. Oggi, però, e domani, la documentazione che è stata depositata da partiti e movimenti politici a Palazzo Barbieri verrà sottoposta ancora ai controlli della commissione elettorale che opera nel palazzo dell'Anagrafe, in via Adigetto. Dopo di che, risolte anche eventuali questioni e ricorsi legati alla documentazione, sarà definitivamente chiarito quali sono le liste ammesse alla competizione elettorale del 12 giugno. E quindi si potrà procedere al sorteggio delle liste e dei candidati sindaco, per assegnare a ciascuno un numero e quindi un ordine sulle schede elettorali. Che saranno due, una per il Consiglio comunale e una per la circoscrizione. .

Enrico Giardini e Luca Mazzara